L'impegno di Coop Equipe Medica
×

L'esperto risponde

Alimentazione a 1 anno

Buongiorno Dottoressa, volevo chiederle uno schema dell'alimentazione tipo di un bimbo di un anno durante l'arco della giornata. Leonardo al mattino prende ancora il latte da me, poi a pranzo mangia crema di riso o mais ecc. oppure pastina con condimenti vari più frutta. Al pomeriggio a volte fa merenda e a volte la salta. Cena ripropongo creme oppure pastina. Volevo sapere se è meglio fare tutti i 5 pasti della giornata e se sia a pranzo che a cena è giusto dare anche la seconda portata (pastina o crema e secondo + frutta). La ringrazio continua
Dott.ssa Marina Cammisa
Pediatra

Gentile Martina, lo schema alimentare proposto ad 1 anno è in realtà sovrapponibile a quello corretto che si segue anche nelle età successive con la giusta attenzione per le quantità offerte.

Sono consigliati 5 pasti (in realtà si parla di 3 pasti e 2 spuntini):

Colazione: latte materno o di crescita

Spuntino : ottima la frutta quando c’è molto tempo tra colazione e pranzo

Pranzo: un primo fatto di carboidrati (pasta, riso, avena…) intorno ai 30 gr con aggiunta di verdure passate, la cui quantità può variare in rapporto al grado di appetito del bambino, e un secondo di proteine: 10-20 gr di carne, pesce, legumi, uovo o formaggio. Il tutto condito con olio extravergine di oliva. Per terminare con una piccola porzione di frutta, anche qui in rapporto all’appetito del piccolo.

Merenda: latte di mamma o latte di crescita o yogurt, cui aggiungere eventualmente della frutta.

Cena: uguale al pranzo ma diversa negli ingredienti.

Alcuni piccoli richiedono la poppata lattea consolatoria prima di andare a letto, che non si può rifiutare.

Come vede si tratta dello schema che utilizzate anche voi, a cui il bambino pian piano deve ispirarsi ed apprezzare, dato che assaggiare i vostri piatti permetterà a Leonardo di inserirsi più rapidamente alla tavola dei grandi. Mi faccia sapere.

Fai una domanda

Margherita Caroli
Vania
Alessandra Piedimonte
marina cammisa
mordenti_s
Tomaselli

La tata consiglia

Mio figlio si confida con la nonna e non con me

Potreste sentirvi ferito in quanto genitore sapendo che vostro figlio confida segreti ai nonni. Non offendetevi però. Il rapporto con i nonni è privilegiato o forse vostro figlio non osava parlarvi per paura della vostra reazione. Può darsi che abbia anche trovate nei nonni degli ascoltatori più attenti e con più tempo. Accettate quel rapporto privilegiato ma allo stesso tempo fate presente che siete all’ascolto anche voi e create le occasioni adatte: ad esempio cercate di passare un momento della giornata in cui sarete solo genitore/figlio (ad esempio dopo la fiaba della buonanotte) in cui lo spronerete a raccontare gli alti e bassi della giornata. Prendete sul serio quello che dice il bambino, lui lo sente e solo così si può costruire un rapporto di fiducia. E intanto chiedete al nonno di tenervi informato delle cose importanti.

Scopri gli altri consigli