L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Svezzamento anticipato e inappetenza

Salve, mio figlio Federico ha da poco compiuto 6 mesi e già al quarto mese ha iniziato lo svezzamento con la pappa a pranzo e la merenda il pomeriggio. Nella sua giornata tipo mangia al risveglio 180 grammi di latte con poco biscotto, poi verso mezzogiorno mangia la pappa che consiste in crema di riso, mais e tapioca, liofilizzati di carni bianche, passato di verdura, olio e parmigiano. Il pomeriggio fa merenda con un vasetto industriale di “crema di latte e biscotto” e poi di sera mangia verso le 20 i suoi soliti 180 gr di latte con due cucchiaini di biscotto e poco prima di addormentarsi un altro biberon della stessa quantità. Il problema è che noto che non gradisce più il latte come prima... potrebbe essere l’estate e i dentini ma qualcosa mi dice che la sera devo dargli qualcos'altro invece del latte perché lo lascia tutto! Cosa potrei dargli? Grazie mille continua
Dott. Federico Mordenti
Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Cara mamma Tiziana, le sensazioni materne sono sempre importanti e va data ad esse molta attenzione, in questo caso però ritengo che il problema non sia il latte. Iniziamo con il dire che si consiglia di iniziare l’alimentazione complementare a 6 mesi e il fatto che lei l’abbia anticipata può comunque rallentare le tappe successive del divezzamento. L’estate o la dentizione possono essere dei fattori che inducono inappetenza, ma maggiore inappetenza sicuramente possono indurla carichi alimentari eccessivi nel momento sbagliato. Faccio riferimento per esempio alla crema di latte e biscotto del pomeriggio (che può essere, stante il divezzamento ormai iniziato, sostituito con della frutta biologica grattugiata o omogeneizzata) o al fatto di aggiungere biscotti al latte della cena, cosa non necessaria stante anche il prossimo inserimento della pappa serale. Buona crescita.

Fai una domanda

Margherita Caroli
Vania
Alessandra Piedimonte
Tomaselli

La tata consiglia

E’ mio! L’istinto di proprietà nei bambini piccoli

Vi preoccupate perché il vostro bambino tiene gelosamente tutti i suoi giocattoli e non li presta? È una fase normale del suo sviluppo (dai 2 e ai 4 anni) nella quale afferma il proprio io e impara a porre un confine tra “io” e “tu”. Intervenire potrebbe essere controproducente e delle volte è meglio un “basta” perentorio e la rimozione dell’oggetto. Potete anche proporre altri giochi in modo che l’oggetto del contendere sia dimenticato. O ancora, se uno dei due bambini è il proprietario dell’oggetto, la risoluzione del conflitto può passare attraverso la comprensione dei sentimenti dei bambini (non vuoi prestare il tuo giocattolo perché hai paura che non ti venga restituito? Pensi che ora tocchi a te giocare un po’ con questo?). Se il bambino invita i propri amici a casa, potete definire in anticipo con lui i giochi che verranno usati durante il tempo trascorso insieme.

Scopri gli altri consigli