L'impegno di Coop Equipe Medica
×

L'esperto risponde

Rallentamento della crescita

Salve, vorrei avere delle risposte certe se è possibile. Mia figlia ha 4 mesi, pesa 5.900 g per 63 cm. Da quanto è nata non prende molto peso e la mia pediatra è preoccupata che ci sia qualcosa che non va. Mangia 6-7 volte al giorno 120gr di latte e ad oggi le ho aggiunto anche biscottino e crema di riso. A merenda le sto dando omogeneizzati alla frutta ma non sembra gradirli molto. Devo preoccuparmi? Attendo una sua risposta e nel frattempo le mando i miei cordiali saluti. continua
Dott.ssa Alessandra Piedimonte
Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Cara Giusy, spesso il compito del medico è quello di escludere (più che confermare) un dubbio diagnostico. Da quanto ci scrive sicuramente posso dirle che i percentili di crescita di Alyssa non sono dei percentili patologici, ma se la sua pediatra si è preoccupata è possibile che abbia riscontrato un rallentamento o un blocco della crescita. L’introduzione di alimenti diversi dal latte non è in genere indicata prima dei 6 mesi, ma anche in questo caso, come sempre in medicina, non esiste mai la verità assoluta e ogni bambino è unico e va valutato in quanto tale. Consideri peraltro che la merenda a base di frutta fornisce molte meno calorie e nutrienti rispetto a un pasto di latte, che peraltro – come detto – è il più indicato a quest’età. Le consiglierei quindi di seguire le indicazioni della sua pediatra ed eventualmente invece non fosse in accordo con lei o non ricevesse informazioni soddisfacenti circa la situazione di Alyssa le consiglio di sentire un altro parere. Per ulteriori dubbi ci contatti nuovamente.

Fai una domanda

Margherita Caroli
Vania
Alessandra Piedimonte
marina cammisa
mordenti_s
Tomaselli

La tata consiglia

La sfida della famiglia allargata

Vi sarà necessario un buon autocontrollo… i figli del vostro compagno ma anche i vostri potranno avere sfoghi di rabbia durante i quali faranno battute cattive, prendetele per quelle che sono, sfoghi appunto, e cercate di ridimensionare sempre. Per fare ciò, quando si tratta dei vostri figli è più facile perché potete appellarvi ai ricordi belli. Ma è probabile che i figli del vostro compagno vi vedano come un ladro dell’affetto del genitore: in caso di problemi o di rabbia da parte loro cercate di dialogare il più possibile tutti insieme, ascoltando il disagio di ciascuno e facendo capire che siete lì non per rubare ma per arricchire. Infatti, la stabilità e solidità della vostra relazione di coppia aiuterà i figli. Cercate dunque di fare tutti giorni il punto della situazione insieme al compagno in merito all’andamento delle cose. E ricordate che i problemi non vengono per forza dalla famiglia allargata ma che in tutte le famiglie si attraversano crisi.

Scopri gli altri consigli