L'impegno di Coop Equipe Medica
×

Attualità

Adolescenza e alcol: effetti e cattive abitudini

Lattine di birra

L’adolescenza è un periodo di grandi sconvolgimenti ormonali, fisici ed emotivi, di passaggio dall’essere bambini al mondo degli adulti, e proprio in questo periodo della vita per ragazzi e ragazze è fondamentale essere parte di un gruppo e dunque sposare tutte le scelte e le mode che “il gruppo” impone, anche quelle che poi così corrette o così sane non sono. E tra le mode, o meglio cattive abitudini, diffuse tra i nostri adolescenti vi è l’eccessivo consumo di alcol, il cui potenziale pericolo viene valutato solo, purtroppo con rammarico, nel corso di un evento drammatico o degli anni quando ci si rende conto dei danni che questa sostanza ha creato al proprio corpo.

L’etanolo è una sostanza che induce dipendenza e pur essendo un nutriente capace di fornire energia il suo abuso può indurre malnutrizione perché interferisce con l’assunzione e la biodisponibilità di altri nutrienti importanti. Quando assunto viene assorbito nel tratto gastroenterico e viene poi metabolizzato nel fegato in acetaldeide, sostanza molto tossica per il nostro organismo.

L’eccessivo consumo di alcol ha effetti dannosi su molti organi e tessuti, primo tra tutti lo stesso fegato, dove si manifesta in forma di “steatosi alcolica”, cioè fegato grasso causato dall’alcol; ma anche esofago e stomaco sono coinvolti, con la comparsa di esofagite e gastrite, sia acute che croniche. L’alcol determina inoltre una sensazione di calore, e di conseguenza una vasodilatazione; in ambienti freddi può perciò avvenire una perdita di calore da parte del corpo, che, non essendo avvertita, può portare ad ipotermia, cioè al raffreddamento eccessivo: questa è la ragione per cui spesso avviene che, d’inverno, degli ubriachi, resi incoscienti dall’ebbrezza alcolica, finiscano per morire di freddo per strada, poiché non avvertono la perdita di calore.

Sul sistema cardiovascolare, poi, una cronica assunzione di alcol può indurre ipertensione arteriosa e cardiomiopatia congestizia. Ancora, meno frequentemente della steatosi epatica, ma pur presente, può insorgere una pancreatite, malattia spesso mortale e comunque sempre gravissima. Tra gli effetti sul sistema nervoso centrale, oltre quelli acuti, vi sono la sindrome di Wernicke-Korsakoff, una forma di demenza, l’atrofia cerebellare, che causa instabilità e imprecisione nei movimenti, e la polineuropatia. Perfino a carico dell’osso è stata descritta una malattia da alcol, in forma di osteoporosi.

Se fino a qualche anno fa queste patologie riguardavano il povero emarginato che vive per strada o il depresso cronico, oggi esse sono presenti – al pari dell’abuso di alcol – in tutti i ceti sociali e purtroppo iniziano a vedersi anche tra quei piccoli uomini e donne in divenire che sono gli adolescenti, e che sono ancor più vulnerabili degli adulti agli effetti psichici ed organici dell’alcol.

Una indagine del 2011 dell’ISTAT ha verificato che è cresciuto fortemente il consumo di alcolici fuori pasto da parte dei giovani, passando da un 15,5% nel 2001 al 18,8% nel 2011 nella fascia d’età compresa tra 14 e 17 anni, il che tradotto in numeri significa che circa 14 milioni di individui di 11 anni e più consumano giornalmente bevande alcoliche.

Non bastasse questo, ormai non solo più all’estero ma anche in Italia si è andata diffondendo l’abitudine – “moda” la chiamano spesso i giornali, ma è mortale! – tra i giovani e giovanissimi di bere per sballarsi o ubriacarsi. Quest’abitudine, presente sia tra i ragazzi che tra le ragazze, si associa spesso al binge drinking (analogo al Disturbo di condotta alimentare noto come binge eating, o alimentazione compulsiva), cioè il bere compulsivamente dai sei o più bicchieri di alcolici e/o superalcolici in meno di due ore, spesso senza mangiare nulla.

Questa disturbo è stato sicuramente favorito dalla moda dilagante dell’happy hour, un’ora intera, o a volte più tempo, durante la quale i giovani si incontrano e possono bere alcolici spesso ad un prezzo scontato.

Occorre ricordare che, benché in alcune regioni sia la famiglia stessa ad abituare precocemente al consumo di alcol, l’alcol non è un nutriente essenziale e l’OMS raccomanda l’astensione totale da esso fino a 15 anni.

Sicuramente in questi comportamenti di gruppo l’emulazione gioca un ruolo fondamentale, come ha dimostrato una ricerca che ha valutato la maggior assunzione di alcolici tra gli abituali fruitori di film nei quali nelle più svariate occasioni di vita gli attori consumavano bevande alcoliche o come la già citata ricerca ISTAT che dimostra una maggiore diffusione del binge drinking tra gli assidui frequentatori delle discoteche.

Si può pensare che il fenomeno interessi soprattutto i ragazzi, ma anche una buona percentuale di ragazze ha iniziato a bere in compagnia, spesso aumentandosi l’età, e la cui motivazione è la ricerca di un rapporto migliore con gli altri, rapporto che a quanto pare senza l’annullamento dei freni inibitori dato dall’alcol non riescono ad avere, sia per insicurezza che per incapacità di mostrarsi simpatici e “all’altezza”, ma che iniziano a bere anche per essere più disinibite (ma lo stesso vale per i maschi) nell’approccio con un eventuale partner, approccio che evidentemente attrae e terrorizza allo stesso tempo.

È dunque indispensabile scoraggiare lo”sballo” dei nostri ragazzi, e questo va fatto anche spiegando loro a quali conseguenze a breve e a lungo termine vanno incontro, ma è altrettanto indispensabile cercare di prevenirlo: in tal senso occorre evitare sia l’incoraggiamento ai bambini da parte di genitori, nonni ecc. ad assumere bevande alcoliche se non a partire da una certa età, in quantità minima ed esclusivamente in occasione di eventi di particolare importanza, che un atteggiamento troppo rigido da parte dei genitori nei confronti dell’alcol in genere, atteggiamento che può diventare per l’adolescente un invito al consumo per quella ribellione e voglia di sovvertire le regole propria dell’età.

Dott.ssa Assunta Martina Caiazzo
Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione
caiazzo