L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

L’esperto risponde è il servizio di consulenza on line di alimentazionebambini.it.

In questa sezione puoi consultare l’archivio di risposte organizzate per Aree Tematiche e chiedere un parere alla nostra Equipe Medica che collabora con la Redazione.

Se hai un dubbio o un problema da sottoporci, segui le istruzioni e accedi al servizio.

Scopri la nostra Equipe Medica

Risposta del giorno

A sei mesi l’alimentazione complementare è necessaria

Nome: Emma
Età del bambino:
Sesso:
Comune: Firenze
Domanda: Salve, la mia bambina nata prematura a 35 + 3 con peso di 2,380 kg e 34 cc ha avuto un arresto di crescita negli ultimi 2 mesi. Fino ai 6 mesi si è assestata al 5 percentile sia per cc sia per altezza, e al 10 percentile per il peso. Adesso a 8 mesi pesa 7 kg, quindi la curva del peso è invariata, ma è scesa sotto il 3 percentile per altezza e cc (rispettivamente 63.2 e 40.8 cm).Premetto che non sono riuscita ancora a svezzarla, quindi prende ancora il mio latte e da due settimane la farina lattea a pranzo. Le chiedo se questo calo di crescita può essere dovuto al fatto che ancora prende solo il mio latte (praticamente in 2 mesi ha messo solo 2 cm in altezza e nemmeno 1 in cc). Grazie per la sua risposta.
continua
A sei mesi l’alimentazione complementare è necessaria

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Cara Lela, è possibile che la scarsa crescita di questo periodo sia proprio dovuta al ritardo nell’introduzione dell’alimentazione complementare. Infatti, calcolando l’età corretta per la prematurità di Emma, essa si assesta intorno ai 6,5-7 mesi, e questo vuol dire che è in ritardo di circa 1 mese sull’introduzione di nuovi alimenti. È infatti proprio a partire dal 6° mese che le necessità nutrizionali fisiologiche del bambino si modificano, ad esempio con un fabbisogno di ferro e di calcio maggiori rispetto ai primi mesi, e quindi è proprio per questo che è necessario inserire nuovi alimenti. Questo ovviamente non significa eliminare il latte materno, che continua a offrire ottimi nutrienti, ma purtroppo non è più sufficiente in quantità totale a garantire una crescita adeguata del bambino (come lei stessa ha potuto constatare). Per cui le consiglio di consultarsi con la sua pediatra e in accordo con lei iniziare al più presto ad inserire nuovi alimenti, monitorando la crescita nel tempo di Emma per valutare se ci sia un recupero o meno. Per ulteriori dubbi ci contatti nuovamente.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio

Aree tematiche

Le risposte più lette

scopri le altre risposte