L'impegno di Coop Equipe Medica
×

L'esperto risponde

Acne e alimentazione

Nome: Jonas
Età del bambino:
Sesso:
Comune: MILANO
Area tematica: Altro
Domanda: Buongiorno, mio figlio di14 anni beve tutte le mattine una tazza da circa 350 ml di latte fresco parzialmente scremato coi biscotti. Siccome è un anno che ha un po’ di brufoli sia in viso che sulla schiena volevo chiederLe se c’entra anche con l'assunzione di latticini e se a questa età è comunque importante assumere questo tipo di alimento. Grazie! Il ragazzo è alto un metro e settantacinque e pesa un po’ meno di 50kg. Cordialmente le auguro una buona giornata
marina cammisa

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Gentile Anna, l’acne non ha nessun collegamento con l’alimentazione, tanto meno con latte e derivati (forte incriminata in passato era la cioccolata!) che soprattutto durante l’adolescenza apportano una generosa quantità di calcio indispensabile per l’accrescimento e la buona salute delle ossa. L’acne ha una causa endocrina legata alla particolare tempesta ormonale tra i 14 e 20 anni e di cui la quasi totalità dei ragazzi ne sono affetti in modo più o meno evidente. Infatti la storia naturale di questa patologia, quando non “complicata”, è quella di durare 4-5 anni e poi risolversi spontaneamente.

L’acne è una dermatosi che interessa il follicolo pilo-sebaceo. Quello che differenzia una forma dall’altra è la sua gravità che va dalle forme lievi che si manifestano solo con la formazione dei comedoni (punti neri se aperti o bianchi se chiusi) che si possono trasformare in papale, quindi in pustole e, nelle forme più gravi, in noduli e cicatrici.

I ragazzi vanno tranquillizzati sulla risoluzione naturale dell’acne e sul fatto che si tratta di una situazione tipica dell’adolescenza che migliora moltissimo nei mesi estivi. Se però per loro rappresenta un problema, come sempre più spesso accade e come potrebbe essere anche per Jonas, sarà utile rivolgersi al proprio pediatra che saprà consigliare. Oggi infatti disponiamo di varie terapie efficaci che vanno usate in rapporto alla gravità dell’acne. Stiamo vicini ai ragazzi, rassicuriamoli senza sottovalutare però le loro difficoltà a relazionarsi con gli altri che, a volte, può anche essere influenzata dalla presenza dell’acne.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio