L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Alimentazione a 1 anno: consigli per sane abitudini

Nome:
Età del bambino: 1 anno
Sesso: maschio
Comune:
Area tematica: Preparazione pappe
Domanda: Il mio bambino segue questa alimentazione: a colazione 240 ml latte e 2 biscotti per bambini; per lo spuntino 1/2 banana e 1 pezzetto di mela o pera grattugiata; a pranzo brodo vegetale con pastina e 1 vasetto di carne o pesce oppure prosciutto cotto; a merenda 1/2 banana e mela o pera grattugiata con un biscotto; a cena purtroppo non digerisce la pastina ma vuole mangiare 240ml di latte con 2 biscotti (il latte è il Mellin 2, perché gli manca ancora qualche giorno al compimento del primo anno di età, i biscotti sono quelli per bambini). Sto procedendo bene? Che succede se la sera non mangia la pastina?
Alimentazione a 1 anno: consigli per sane abitudini

Dott.ssa Maria Anna Tomaselli

Dietista

Le voglio dare alcuni semplici consigli, perché il non mangiare la pastina a cena non è l’unico errore alimentare. Iniziamo dalla frutta: perché solo banana, mela e pera? E perché sempre nelle stesse porzioni? Ad un anno si può cominciare a far assaggiare molti tipi di frutta come kiwi, albicocche, prugne, susine, e lasciare per ultime solo le fragole. Eviterei anche di aggiungere il biscotto nella frutta, perché praticamente inutile dal momento che la frutta ci fornisce già molti nutrienti importanti come zuccheri semplici, vitamine, sali minerali, acqua e fibra e non necessita di aggiunte. Un’ottima merenda può essere anche uno yogurt. Inoltre perché sempre pastina in brodo vegetale? Può benissimo preparare un buon sughetto fresco facendo bollire un po’ di pomodori per 10-15 minuti e poi aggiungere un cucchiaino di olio extravergine di oliva. Per ciò che riguarda il secondo, cominci ad abbandonare l’omogeneizzato di carne e pesce e prepari 20-30 gr. di carne triturata o di pesce in modo che suo figlio cominci gradualmente un tipo di alimentazione più solida e cominci anche a masticare.

Noto poi l’assenza, nella sua descrizione, di formaggi e legumi. Può preparare un passato di legumi e aggiungere 2-3 cucchiai alla pastina a pranzo oppure a cena, e questo fa già un pasto diverso, molto in linea con la “dieta mediterranea”, tra l’altro, e può anche sostituire la carne e il pesce con formaggi freschi, almeno una o due volte la settimana. Una volta alla settimana può aggiungere, come secondo, alla pastina un uovo o prepararlo alla coque o sodo o “in camicia”. Avere un’alimentazione varia è importante non soltanto per introdurre tutti i nutrienti di cui l’organismo ha bisogno, ma anche per avvicinare e abituare il bambino a nuovi sapori e acquisire così corrette abitudini alimentari che avrà per tutta la vita, salvaguardando la sua salute.

 

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio