L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Alimentazione corretta, non sempre i cibi graditi sono i migliori

Nome: Cristian
Età del bambino: 3 anni e 2 mesi
Sesso: maschio
Comune:
Area tematica: Educazione
Domanda: Mio figlio (peso kg 16, altezza 95 cm) mangia quasi esclusivamente latte e biscotti (fino a 1,5 litri al giorno). All’asilo si comporta come a casa, sceglie semmai pane, cracker, grissini o grana. Noi cerchiamo di proporgli qualcosa di diverso, ma lo rifiuta categoricamente. Può darmi un consiglio? Durante lo svezzamento mangiava molto di più. Inoltre non riesco a togliergli il pannolino.
Alimentazione corretta, non sempre i cibi graditi sono i migliori

Dott.ssa Assunta Martina Caiazzo

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Se è vero che il latte è un alimento fondamentale nella dieta giornaliera di un bambino per il suo alto contenuto di calcio è anche vero che all’età del suo piccolo Cristian non dovrebbe rappresentare l’unico alimento da assumere nell’arco della giornata anche se con l’aggiunta di biscotti. Se suo figlio assume circa un litro e mezzo di latte al giorno non mi meraviglio che non voglia più mangiare altro… così ha già assunto tutte le calorie che gli servono per la giornata. A questa età basta mezzo litro di latte al giorno. Dunque sì al latte a colazione e, poiché il suo piccolino lo gradisce, anche a merenda ma per gli altri pasti della giornata, in famiglia ma anche all’asilo nido dovreste con pazienza e serenità educare o meglio riabituare (lei riferisce che al momento dello svezzamento le scelte alimentari di Cristian erano più varie) il bambino a mangiare quello che “passa il convento” evitando, al suo rifiuto di mangiare, di fornirgli l’alternativa a lui più gradita (latte, biscotti, pane, grissini, cracker o grana). Cristian, pur essendo piccolino, ha ben capito che la sua mamma, preoccupata che lui non si alimenti abbastanza, purché mangi gli fornirà l’alternativa a lui più gradita; allora perché mangiare quello che gli piace meno? Dunque cara mamma, confortata dal fatto che dal punto di vista del peso e della statura il suo bimbo sta benissimo anzi il centile del peso è maggiore rispetto a quello dell’altezza, accosti il suo bambino alla vostra mensa invitandolo a consumare il vostro stesso pasto senza spaventarsi per qualche pasto saltato o pianti disperati. Nella vita non si può pensare solo in termini di quantità ma anche e soprattutto di qualità e varietà.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio