L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Allattamento: quando smettere

Nome: Mirella
Età del bambino: 2 anni
Sesso: Femmina
Comune:
Area tematica: Disturbi dell’alimentazione
Domanda: Mia figlia pesa 12 kg e mangia solo il latte materno, ogni tanto qualche pastina. Sarebbe opportuno toglierlo? E come?
Allattamento: quando smettere

Dott.ssa Maria Anna Tomaselli

Dietista

Da un punto di vista nutrizionale l’alimentazione esclusivamente lattea, anche se si tratta di latte materno, non è più idonea, da sola, all’età della sua bambina. Si tratta, infatti, di un tipo di alimentazione monotona e, da un lato, non in grado di soddisfare tutti i fabbisogni di nutrienti di un bambino di due anni, dall’altro non in grado di educarlo alla vasta gamma di gusti e alimenti che poi saranno… il suo pane quotidiano, una volta adulta! È stato ampiamente dimostrato che il latte materno è un alimento ideale e completo fino all’età di 6 mesi, dopo i quali, nelle quantità assumibili da un bambino, non riesce a coprire i fabbisogni di energia e di alcuni nutrienti importanti come il ferro, il rame e lo zinco. Inoltre, come dicevo, alimentarsi solo di latte materno significa ridurre l’interesse verso cibi nuovi ed aumentare la predisposizione ad una alimentazione monotona. Ed è proprio il caso di sua figlia, anche se al momento la crescita in peso non sembra creare problemi! A questo punto non le chiedo certo di “staccare” all’improvviso sua figlia dal seno, ma di armarsi di pazienza e offrirle, al momento del pranzo e della cena, gli altri cibi, importanti sia per la sua crescita sia per il futuro perché sviluppi corrette abitudini alimentari. Fino a quando la sua bambina saprà che è sempre disponibile il latte della mamma, non si sforzerà di mangiare altri tipi di alimenti che, tra l’altro, richiedono anche la “fatica” di masticare! Quando invece sua figlia inizierà a saziarsi con i pasti che lei preparerà, le poppate al seno si ridurranno fino al giorno in cui la sua bambina non le chiederà più, nel frattempo anche la produzione del suo latte andrà riducendosi fino a terminare spontaneamente. Inoltre le chiedo: la bambina è sempre “attaccata” a lei? È solo un problema di alimentazione o anche di ridotta socializzazione della bambina? Ha contatti (non occasionali, ma ravvicinati e “di qualità”) con il papà e con gli altri familiari? Mi auguro di sì. Provi allora anche a coinvolgere suo marito o qualcuno dei nonni al momento dei pasti in modo che la bambina, non potendo pretendere che il papà o altri possano allattarla, accetti più di buon grado altri alimenti. Capisco che non è facile, ma sono sicura che la famiglia saprà evolversi come è giusto per aiutare a crescere la “signorina”.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio