L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Allattamento: quando “staccarsi” dal seno?

Nome: Mattia
Età del bambino: 13 mesi
Sesso: maschio
Comune:
Area tematica: Allattamento e divezzamento
Domanda: Il mio bambino ha avuto questa estate diversi episodi di inappetenza: si sono alternati periodi di circa 10 giorni in cui ha mangiato poco o nulla ad altri momenti, della stessa durata circa, in cui è riuscito a mangiare qualcosa in più, anche se non nelle dosi abituali. La pediatra mi ha assicurato che la cosa è da attribuire al caldo, ma alla comprensibile preoccupazione per il rifiuto quasi totale del cibo si è sommato un altro dubbio: allatto ancora Mattia e mi sto chiedendo se non sia il caso di interrompere per passare al latte di crescita o a quello vaccino. I 500 ml indicati non vengono sicuramente assunti dal bambino, che in compenso in questo periodo sembra si sia legato maggiormente al seno, richiedendolo anche durante la notte (cosa che non faceva più da quando aveva 9 mesi). Cosa devo fare? Ovunque mi si dice che il mio latte a questo punto non è più un alimento valido dal punto di vista nutrizionale e che devo necessariamente sostituirlo, ma io sono molto dispiaciuta all’idea di abbandonare questo bellissimo momento di intimità con mio figlio. Lui, per giunta, rifiuta categoricamente qualsiasi altro latte (lo sputa disgustato). Adesso è lungo circa 81-82 cm, un mese fa pesava 9 kg, ma temo che abbia perso peso.
Allattamento: quando “staccarsi” dal seno?

Dott.ssa Maria Anna Tomaselli

Dietista

Sono d’accordo con la sua pediatra. Può succedere, infatti, di avere poco appetito a causa del caldo eccessivo. Il caldo, inoltre, ci porta a consumare più liquidi e questo spiegherebbe il fatto che suo figlio cerchi il seno anche di notte. Ha sete e, dal momento che durante il giorno non ha mangiato oppure ha mangiato poco, ha anche molta fame! Non c’è un momento preciso per interrompere l’allattamento al seno, e come mamma che ha allattato al seno entrambi i suoi figli, posso comprendere quanto sia difficile interrompere questa bellissima esperienza. Tuttavia il latte materno può essere l’alimento esclusivo fino ai 6 mesi di vita, quando va completato con altri alimenti per poter soddisfare tutte le richieste nutrizionali del bambino. Se Mattia rifiuta tutto ciò che non è il suo latte, forse, è giunto davvero il momento di “staccarlo” dal seno. Il suo istinto di mamma glielo sta già suggerendo. Mattia, infatti, pur essendo molto alto per la sua età, è leggermente sottopeso. L’amore di una mamma si esprime anche prendendo delle decisioni importanti che ci fanno un po’ soffrire. Vedrà che l’intimità con suo figlio la potrà vivere e scoprire in tanti altri momenti della giornata.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio