L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Bambino obeso? Pasti più vari e quantità ridotte

Nome: Stefano
Età del bambino: 9 anni e mezzo
Sesso: maschio
Comune: patti(ME)
Area tematica: Le giuste quantità
Domanda: Buongiorno, Stefano è alto 134 cm e pesa 57 kg, è quindi in sovrappeso. Il problema è che lui seleziona molto i cibi; ad esempio: pasta solo con burro, lenticchie o fagioli e ricotta, e fra gli affettati solo prosciutto cotto. Il pesce non lo mangia. Tra le verdure solo fagiolini e spinaci, e frutta: mele, pesche e arance. Non c'è verso di convincerlo a variare questi cibi o fargliene provare degli altri, ed eccede invece con il pane. Come faccio a fargli fare un'alimentazione più sana?
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Cara Laura, come può verificare utilizzando il Bimbometro presente sul nostro sito, Stefano è obeso. La precisazione si rende necessaria perché i genitori devono prendere pienamente coscienza della situazione dei loro figli, per non girare intorno al problema e comportarsi di conseguenza. Dalle sue parole sembrerebbe che la monotonia dell’alimentazione di Stefano sia la causa del suo sovrappeso, ma questo modo di guardare serve solo ad allontanare l’attenzione dalle quantità che il bambino introduce. Nonostante io sia la prima paladina di una alimentazione varia da proporre ai bambini, caposaldo di una corretta alimentazione, le domando: e se, intanto, utilizzando gli alimenti che il piccolo gradisce, cominciassimo a ridurre le quantità e correggessimo la distribuzione durante la giornata? Ancora: se comprasse una quantità di pane adeguata al consumo della cena della famiglia, poco prima della cena stessa, senza inutili tentazioni in eccesso nel pomeriggio? Stefano è ancora un bambino che non fa acquisti autonomi e che dipende totalmente dall’alimentazione della sua famiglia. Pertanto per ora, avendo un approccio graduale alla modifica delle abitudini alimentari di Stefano, anche solo usando ciò che gradisce, possiamo comportarci così:

  1. cinque pasti (dove spuntino e merenda sono fatti di un frutto o una piccola macedonia, senza zucchero) e senza cedere alle richieste, magari pressanti, del bambino di avere il panino;
  2. pasta e legumi tre volte a settimana, seguiti da un po’ di verdura e frutta a costituire un pasto completo;
  3. affettati non più di 2 volte a settimana, ricotta 2-3 volte a settimana (quest’ultima con un po’ di zucchero, spalmata su una fetta biscottata potrebbe costituire la sua colazione, se non ne fa una con il latte);
  4. olio extravergine in sostituzione del burro (cominci con poche gocce insieme al burro in modo che si abitui lentamente al nuovo sapore);
  5. non più di un panino piccolo a cena e nessuno a pranzo;
  6. la famiglia riunita a tavola che segue comunque una alimentazione varia in modo che il bambino senta gli odori e veda i colori degli altri alimenti (se avesse più fame, mangiando di meno, non crede che potrebbero interessargli?)

Cara Laura, intanto proceda al riordino e ridistribuzione corretta degli alimenti che Stefano ama. Molto utile è un menù scritto che non la obblighi ad essere ripetitiva (ad es. pane e prosciutto tutte le volte che ha fame) e ad entrare in ansia. In fondo, noi vogliamo per il bene di Stefano due cose: che impari a mangiare in maniera più varia e che dimagrisca. Riducendo le quantità di quello che mangia il bambino dovrebbe perdere peso o perlomeno rimanere stabile, mentre lo stesso fatto di mangiare meno dovrebbe stimolarlo ad assaggiare alimenti nuovi o meno graditi. Se poi dopo un mese di questo approccio Stefano non ne volesse proprio sapere di migliorare il comportamento alimentare, saremo costretti ad essere più incisivi, limitando al massimo il consumo degli alimenti a lui graditi in modo da prenderlo “ per fame”. Credo che questo sia il suo primo passo nel cambiamento delle abitudini. A proposito di passi … Stefano si muove?

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio