L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Il biberon non deve sostituire il pasto

Nome: Eva
Età del bambino: 18 mesi
Sesso: femmina
Comune: Porto San Giorgio
Area tematica: Disturbi dell’alimentazione
Domanda: Buongiorno, mia figlia si rifiuta di mangiare qualsiasi alimento, fatta eccezione per qualche pezzetto di carne. Fino a qualche mese fa mangiava anche qualche pezzetto di pasta ma ora non ne accetta più. Si nutre solo di latte e frullati, per un totale di circa mezzo litro al giorno diviso in tre biberon. È l’unica cosa che accetta. L’ultima volta che siamo stati dal pediatra abbiamo riscontrato una perdita di peso di 350 grammi. Il suo peso attualmente è di 11,700 chili. Ho già provato a lasciarla parecchie ore senza latte ma non ho ottenuto nessun risultato. Non so più cosa fare. Grazie.
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Gentile Manuela, la bambina non deve essere lasciata a digiuno, ma deve mantenere i suoi pasti di latte a colazione e merenda ed eventualmente prima di addormentarsi, se questa fosse una sua abitudine. Il biberon non deve però sostituire il pasto e la cena, né deve seguirli subito dopo in modo che Eva possa imparare che i pasti solidi sono due momenti distinti della giornata. È evidente che nell’educazione alimentare della piccola è necessario ricominciare tutto da capo (!). Abbandoni le abitudini e i tempi fin qui usati e integri la bambina alla vostra tavola, con i piatti e i tempi che voi seguite. Renda il pranzo un momento più gioioso magari invitando qualche amichetto o i nonni o qualcuno a cui la piccola è affezionata in modo che Eva possa cominciare ad abbinare il momento del pasto ad un momento sereno che favorisca il piacere di mangiare. Capisco che soprattutto davanti ad un calo di peso rimanere apparentemente indifferenti sembra impossibile, ma questo suo sforzo di oggi sarà certamente premiato. Naturalmente lascio al suo pediatra il compito, se lo ritenesse opportuno e soprattutto se il calo permane, di eseguire alcuni esami ematochimici, compresa la ricerca di anticorpi per la celiachia e l’esame delle urine. Mi faccia sapere.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio