L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Bimba sovrappeso: consigli alla nonna preoccupata

Nome: Alice
Età del bambino: 8 anni
Sesso: femmina
Comune:
Area tematica: Educazione
Domanda: Mia nipote non vuole frutta e verdura. E’ alta 128 pesa 35 kg. La mamma è sovrappeso, il padre normopeso. A colazione vuole tanto latte, cereali, fette biscottate e marmellata, Nesquik. Io sono la nonna e secondo me è grassa come un budda. La madre dice che è normopeso e la rifocilla di pasta integrale, perché sostiene che non ingrassa. Spesso la porta al ristorante e agli “happy hours”. Io non sono d’accordo, secondo me dovrebbe avere un’alimentazione sana ed equilibrata. Mi dite se sono fissata o se la mamma per comodità non alimenta la bimba in modo corretto?
dott. federico mordenti pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott. Federico Mordenti

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

È un piacere rispondere alla sua domanda anche perché i nonni spesso assolvono un importante ruolo nella crescita dei propri nipoti. Ovviamente è sempre auspicabile che regni l’armonia e un sereno dialogo tra le generazioni anche in funzione del benessere dei nipotini che possono così ricevere dei messaggi univoci per la loro educazione, anche quella alimentare.

Certamente la sua nipotina è in sovrappeso, tuttavia paragonarla al Buddha, per quanto divertente sia l’immagine, è forse eccessivo ed anche un po’ fuori luogo, soprattutto considerando che l’esigenza di intraprendere una comunicazione costruttiva con i genitori, diretti responsabili della bimba, dovrebbe rimanere al primo posto tra le preoccupazioni, anche dei nonni.

Tornando comunque alla sua questione, frutta e verdura sono ovviamente le basi imprescindibili di una sana alimentazione e la colazione come lei la descrive è sicuramente eccessiva; per una bimba di 8 anni, in sovrappeso, una tazza di latte dovrebbe essere accompagnata da 2-3 fette biscottate con un velo di marmellata o, in alternativa, dei cereali in misura di 2-3 cucchiai magari accompagnati da un frutto. Risulta difficile valutare, nello specifico, se gli happy hour e i ristoranti rappresentino un problema; è una questione di frequenza dell’evento e di come questo viene gestito dal punto di vista delle scelte alimentari. Infine mi sento di sfatare il mito dei prodotti integrali, validissimi per l’apporto in fibra e per l’indice glicemico tendenzialmente minore, ma sovrapponibili in calorie rispetto al prodotto di riferimento (la pasta integrale ha appena una diecina di kcal in meno per 100g rispetto alla pasta di semola classica!).

In conclusione, gentile nonna, sarà sicuramente salutare attuare una correzione dell’alimentazione della nipotina, trovando il modo di sensibilizzare entrambi i genitori sulla necessità di tale

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio