L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Cattiva alimentazione: è dovere dei genitori intervenire

Nome: Gaetano
Età del bambino: 9 anni
Sesso: maschio
Comune:
Area tematica: Educazione
Domanda: Mio figlio 9 anni ha un IMC pari a 20,5 e comunque già ad occhio nudo si vede che è in sovrappeso. Era un bambino normale e magro sino all’età di 6/7 anni, poi pian piano ha iniziato a ingrassare. La sua alimentazione era ed è tutt’oggi complicata per un problema di masticazione (non problema anatomico): pranzo/cena vasetti Nipiol con pastina in brodo di verdure. Non mangia frutta, da qualche anno mangia il cioccolato e naturalmente ne approfitta durante la giornata. Da un paio di mesi ha iniziato a mangiare poca pasta bianca senza condimento e bastonicini Findus. Ha il bacino grande, così anche la corporatura. Pratica basket e tennis. Avremmo bisogno di una dieta appropriata per la sua età con i pochi alimenti che riesce a masticare: pasta bianca, qualche panino con nutella, cotoletta di pollo, patatine fritte, bastoncini Findus.
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Non ho ben capito se la pessima alimentazione di Gaetano sia dovuta a una reale impossibilità alla masticazione o se è solo legata a capricci che col tempo sono diventati un’abitudine erroneamente accettata dai genitori.

In ambedue i casi credo che la famiglia debba seguire un’unica alimentazione corretta, a cui suo figlio si deve adeguare per stare bene.

Se il bambino dovesse avere difficoltà alla masticazione, indipendenti dalla sua volontà, è suo dovere sminuzzargli gli alimenti.

Se invece, come io credo, si tratta solo di un disordine alimentare legato a capricci del bambino, è suo dovere di genitore (insieme a suo marito) cercare di indirizzarlo verso una alimentazione corretta con l’esempio e l’affetto, ma anche con la fermezza necessaria a modificare un comportamento negativo cronico.

Nel caso di suo figlio potrebbe essere utile rivolgersi a un nutrizionista pediatrico che suggerisca una alimentazione adeguata, anche perché, così come mangia, il bambino è esposto a notevoli carenze di nutrienti ed in particolare di quelli che proteggono nei confronti di tumori e malattie cardiovascolari (frutta, verdura, legumi).

Il consiglio è legato anche al fatto che penso che voi genitori abbiate bisogno di aiuto per imparare le tecniche necessarie per modificare gli atteggiamenti del bambino e di sostegno psicologico in questa difficile, ma necessaria battaglia per la salute di vostro figlio.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio