L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Ci vuole tempo per cambiare alimentazione!

Nome: Greta
Età del bambino: 9 mesi
Sesso: femmina
Comune: Noicattaro (ba)
Area tematica: Educazione
Domanda: Ho allattato mia figlia con esclusivo latte materno fino a pochi giorni fa ma ora ho dovuto interrompere perché con i suoi sette dentini mi ha formato sul seno delle escoriazioni tali da non poterla più allattare. Greta mangia tutto e ha una dieta sana ed equilibrata, perché mangia solo prodotti biologici. Ho un solo problema: non prende il biberon e non le piace nessun tipo di latte artificiale, compresa la pappa latte. Non mangia nulla nemmeno con il cucchiaino. Le viene il conato di vomito! Il mio pediatra mi ha detto che posso sostituire il latte con lo yogurt, però mi chiedo se sia corretto dare tre o quattro volte lo yogurt a mia figlia durante la giornata, e a volte anche la notte. Vero è che non ho alternative per ora. Vorrei sapere se c'è qualche gusto che deve prediligere o piuttosto se devo evitarne altri. Sono un po’ confusa! Attendo un suo consiglio, grazie.
dott. federico mordenti pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott. Federico Mordenti

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Cara mamma Mary, lasci a Greta il tempo di abituarsi alla nuova modalità. È cresciuta con l’allattamento al seno che riconosce e conosce come la propria modalità di assunzione di latte, con specifiche caratteristiche organolettiche (il latte artificiale infatti, seppure molto equilibrato, è comunque estremamente diverso nel gusto) e affettive (l’intima suzione al seno materno), è perfettamente normale che rifiuti questo nuovo modo di nutrirsi. Dalla sua domanda non mi è chiaro come voglia offrire lo yogurt alla bambina (cucchiaino, biberon, altro), comunque 3-4 volte al dì parrebbe eccessivo rispetto agli altri pasti. Piuttosto incrementi la frequenza del formaggio nelle pappe e continui a proporre il latte artificiale 1 volta al giorno nei momenti in cui Greta è più affamata, aiutandola pian piano ad accettare questo nuovo modo di alimentarsi. Sia paziente e serena, se per qualche giorno o settimana la bambina avesse un apporto di latte basso non succede nulla, prevale invece per importanza la possibilità di educare Greta all’accettazione del latte artificiale e successivamente del latte vaccino. Buona crescita.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio