L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Come cambiare le abitudini alimentari

Nome: Mikele
Età del bambino: 4
Sesso: maschio
Comune: portogruaro
Area tematica: Disturbi dell’alimentazione
Domanda: Salve, mio figlio ha 4 anni, ma da circa 1 anno non vuole più la pasta con il condimento (di qualsiasi tipo), ma accetta solo pasta con olio e formaggio grana. Mangia hamburger e polpette (naturalmente senza sugo), beve il latte alla mattina e alla sera, e diverse volte anche al pomeriggio, ma non mangia altro. Come faccio a convincerlo almeno ad assaggiare qualche verdura senza frullarla? Anche nelle minestre appena vede un poco di verdura la rifiuta.
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Cara Stefania, mi piacerebbe avere la formula magica per cambiare le abitudini alimentari dei bambini i cui genitori, come lei, ci scrivono avviliti. In effetti l’errore probabilmente è da cercare a monte: quando i bambini cominciano a ricattarci con richieste precise, quando ci si piega a queste richieste pur di stare tranquilli e soprattutto vederli mangiare, quando ci obbligano a sottostare alle loro scelte e manca il conforto di una persona che ci consigli. Potrei continuare ancora, ma ormai in Mikele le abitudini si sono radicate e modificarle richiede da parte dei suoi genitori uno sforzo davvero notevole. In pratica il primo passo verso il successo è stato fatto riconoscendo il problema.

Per fortuna nella sua esclusività Mikele almeno apprezza alimenti che gli permettono di crescere senza eccessive carenze. Per ciò che riguarda le verdure, per ora ci accontenteremo di frullarle, magari sminuzzandole sempre, impercettibilmente, meno. Ciò che è veramente importante è, nonostante il rifiuto, non stancarsi di preparare tutti gli alimenti, mostrando di apprezzarli decantandone il gusto: “è buonissimo” e mai: “fa benissimo”. La visione ripetuta prima, ed eventualmente l’invito all’ assaggio poi, potrebbero aiutarlo a cambiare le sue abitudini. Frequentare la mensa scolastica ed invitare amichetti o parenti che senza invogliarlo verbalmente mostrano di gradire molto questi pranzetti potrebbe scardinare queste irrazionali prese di posizione che Mikele. A proposito, se continua a dargli il latte più volte nel pomeriggio, come può pensare che lui abbia fame ed assaggi qualcosa di diverso? Quindi anche l’atteggiamento di “mi dispiace non c’è altro” e rimanere fermi nell’affermazione è molto efficace nel migliorare le abitudini alimentari dei bambini. Mi faccia sapere.

 

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio