L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Come posso seguire i valori di riferimento dei LARN?

Nome: Mario
Età del bambino: 13 mesi
Sesso: maschio
Comune:
Area tematica: Le giuste quantità
Domanda: Salve, leggendo i nuovi larn mio figlio dovrebbe assumere circa 900 kcal e 0.82gr di proteine/kg/die. Poiché il suo peso attuale è di 9.1kg, dovrebbe assumere circa 7 gr di proteine, ma già bevendo 400ml di latte intero al giorno (200 colazione e 200 merenda) assume almeno 12gr di proteine. Considerando poi che almeno una volta al giorno consuma carne o pesce o formaggi, la quota proteica sale ancora di più. Allora come comportarsi? Inoltre noto una ulteriore incongruenza: la quota calorica relativa alle proteine deve rappresentare il 13-15% delle calorie totali che non corrispondono di certo a 0.82gr/kg/die!!!Allora quante proteine dar ai nostri bambini?
Come posso seguire i valori di riferimento dei LARN?

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Cara Gemma innanzitutto grazie per l’interessante quesito. C’è in effetti un dibattito aperto sui range di riferimento indicati dai LARN che, seppure auspicabili per un discorso salutistico, sembrano altrettanto utopici alla maggior parte degli addetti ai lavori, per cui se ne sta effettivamente ancora discutendo. In ogni caso, la prima cosa che mi sento di dirle è che come avrà potuto vedere nei nuovi LARN appaiono 2 definizioni differenti: l’AR, che corrisponde al fabbisogno medio e il PRI, che corrisponde all’assunzione raccomandata per la popolazione, ovvero quel valore (nel nostro caso proteico) che copre il  fabbisogno del 97,5% della popolazione sana all’interno del gruppo di riferimento. Nello specifico quindi, è proprio a questo valore che facciamo riferimento quando calcoliamo i fabbisogni. Nel caso di Mario il fabbisogno proteico da considerare passa quindi da 0,82 g/kg/die a 1 g/kg/die (leggermente maggiore, ma non certo di molto). Attenzione però che – a differenza del passato – ora si raccomanda che il PRI venga raggiunto sempre, e si segnala nei LARN che può essere superato. Il problema principale, per l’infanzia, verte sul “quanto” possa essere superato. Vari studi segnalano che è opportuno non superare la quota del 16% giornaliero, per non aumentare il rischio obesità; ecco perché lei ha trovato quel 13-15% cui si riferisce: quella rappresenta la quota massima da non superare! Facendo riferimento a suo figlio, parliamo di circa 14 g di proteine al giorno, dunque, ricapitolando: non meno di 7 g/die, non oltre 14!

Detto questo, giustamente lei afferma che tra latte intero, carne, pesce, formaggi (e lascia fuori le proteine dei vegetali e dei cereali…) siamo ben oltre la quota proteica giornaliera. In effetti è per questo che si raccomanda di sostituire il latte vaccino in commercio con un latte di crescita (che ha la metà delle proteine) o con lo yogurt  (anche qui dimezziamo le quantità per dose) oppure di limitare il latte a 250 ml/die come massimo (specialmente a merenda: calcoli che la merenda dovrebbe fornire circa il 5% dell’energia giornaliera, quindi circa 45-50 kcal=75 ml latte o yogurt intero). E poi, la quantità di carne adeguata per l’età di Mario si aggira sui 10-15 g di prodotto fresco (1,5-3 g di proteine, secondo il tipo).

In ultimo vorrei aggiungere che il bilancio di calorie, macro e micronutrienti va comunque fatto settimanalmente e non ogni giorno. In questo modo, rispettando un’adeguata varietà di alimenti si riesce a ottenere un bilancio dei nutrienti quasi ideale seppure mai perfetto, ma soprattutto si evita di trasformare la “nutrizione” in “nutrizionismo”! Per ulteriori dubbi mi contatti nuovamente.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio