L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Dermatite atopica, cosa fare?

Nome:
Età del bambino: 11 mesi e mezzo
Sesso: maschio
Comune:
Area tematica: Sano sviluppo
Domanda: Mio figlio ha quasi un anno e ha ancora difficoltà nel mangiare. Soffre di dermatite atopica, quindi abbiamo inserito gli alimenti nella sua dieta lentamente. Attualmente mangia minestrina con brodo di patata, carota e finocchio e ho inserito la carne frullata. Il problema è che non termina mai il piatto, mangia con difficoltà e spesso rigetta con disgusto. Inoltre stiamo ancora somministrando il latte di riso in polvere con biscottino, senza uova e latte, ma raramente riesce a prendere un biberon di circa 120 ml. Durante la notte si sveglia due volte e si beve 2 biberon di 90 ml ciascuno. Dorme poco ed è iperattivo. Le chiedo un aiuto poiché stiamo andando per tentativi, ma siamo stremati dalla situazione, anche perché in un mese non è cresciuto di peso, ma solo di mezzo centimetro. Ora è alto 76,5 cm e pesa 8 kg. Mi devo preoccupare? Che cosa potrebbe avere?
Dermatite atopica, cosa fare?

Dott.ssa Maria Anna Tomaselli

Dietista

Cara mamma Silvia, il suo bambino è al di sopra del 50° percentile per l’altezza e appena al di sopra del terzo percentile, per cui è effettivamente un po’ magro. La sua stanchezza è comprensibilissima e come mamma le sono molto vicina. Per poterle dare dei consigli di tipo alimentare vorrei che mi riscrivesse perché da ciò che mi scrive è stato eliminato il latte (che prima dell’anno di età dovrebbe essere un latte formulato) e i latticini. Avete fatto esami specifici per allergie al lattosio o alle proteine del latte vaccino o delle uova? Glielo chiedo perché spesso, nei confronti della dermatite atopica, si assume un atteggiamento alimentare restrittivo, anche se non vi è alcuna prova, nel singolo paziente, che questo serva davvero; e di solito la classe di alimenti che per prima viene eliminata è proprio quella del latte e derivati. Se questo è stato l’iter seguito, la domanda successiva è: c’è stato miglioramento della dermatite, oppure no? Se no, l’abolizione del latte è del tutto inutile; se il miglioramento c’è stato, l’unico modo per verificare che ci sia una relazione è di reintrodurre un latte derivato dal latte vaccino e vedere se si ripresentano i disturbi.

L’iperattività del suo bambino è peraltro un buon segno, e probabilmente lui è cresciuto poco in quest’ultimo mese perché ha mangiato poco ma si è mosso tantissimo, anche quando avrebbe dovuto dormire e fare il suo sonnellino pomeridiano. È un momento difficile, lo so, ma se vi siete affidati ad un bravo pediatra e a un bravo specialista in allergologia, passerà nella maniera migliore.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio