L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Disappetenza: dopo la vaccinazione mio figlio non mangia

Nome: Samuele
Età del bambino: 3 anni
Sesso: maschio
Comune:
Area tematica: Educazione
Domanda: Il mio è un accorato S.O.S: da quando il mio piccolo è stato sottoposto al richiamo dell’ultimo vaccino, ha perso ogni attrattiva per il cibo, lo rifiuta del tutto. La sua alimentazione si basa su latte e biscotti, patate, e pizza margherita. Non riusciamo a fargli mangiare nulla di vario, lo obblighiamo a stare in tavola con noi, vede il fratello che mangia tranquillo, ma a lui non interessa. Siamo proprio disperati, come possiamo agire?
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

È possibile che tra gli altri effetti collaterali della vaccinazione vi possa essere la disappetenza, ma si tratta di un fenomeno transitorio. Immagino, dunque, che Samuele già in precedenza non fosse un grande mangione e che sulla scia di questo avvenimento, abbia cominciato a rifiutare anche altri alimenti. Consideri anche che intorno a quest’età la maggior parte dei bambini va incontro ad una progressiva restrizione delle scelte alimentari (fenomeno noto come “neofobia”): alcuni bambini la manifestano in modo più marcato, probabilmente perché già in partenza tendono ad evitare le novità, altri meno; è un periodo transitorio, ma che viene superato con maggior rapidità e meno difficoltà con l’aiuto di poche regole, che le segnalo più sotto.

Intanto, comunque, prima di disperarsi, è importante verificare se il bambino non abbia perso peso. Se, come immagino, il pediatra dovesse confermare la buona salute del piccolo le consiglierei:

  • continui ad “insegnargli” a stare a tavola, non come se fosse una punizione, ma perché è una regola della famiglia che va rispettata da tutti;
  • non lo forzi con alimenti che rifiuta, ma li riproponga lo stesso quando sono presenti nel menù familiare, senza alternative che gradisce, il che vuol dire che, se non sono previsti nel menu familiare per tutti, pizza e patate non dovranno essere preparati solo per Samuele;
  • rassereni il clima intorno a Samuele, senza sottolineare la bravura del fratello;
  • eviti di parlare davanti a lui delle sue preoccupazioni alimentari;
  • lo faccia mangiare alla mensa della scuola materna, se possibile, dove l’esempio dei compagni risulterà molto stimolante.

Spero di esserle stata d’aiuto.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio