L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Disappetenza post infettiva

Nome: Arianna
Età del bambino: 14 mesi
Sesso: femmina
Comune: Lucca
Area tematica: Disturbi dell’alimentazione
Domanda: Buongiorno, la mia bambina, circa 15 giorni fa, ha avuto la diarrea per 5-6 giorni. Dopo 4 giorni che stava bene, le è venuta la febbre per 3 giorni, con picchi anche di 40°. Siamo state al pronto soccorso, ma dicono che è solo una forma virale. La cosa che mi preoccupa è che non sta mangiando quasi niente, se non yogurt e omogeneizzati. Come mi devo comportare? Mia madre sostiene che la bambina abbia qualcosa e che non stia bene in quanto è da ottobre che è sempre piena di catarro e non siamo mai riusciti a farglielo andare via, anche se, sia il mio pediatra che quello dell'ospedale, mi hanno detto che nonostante il muco, i polmoni sono liberi. Grazie.
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Gentile Sara, a volte i nonni, bontà loro, più che aiutare le giovani mamme le impauriscono con i loro infondati dubbi. Arianna ha un’età durante la quale spesso le difese immunitarie non sono perfettamente mature e per questo i bambini si ammalano frequentemente, tanto da sembrare quasi “di continuo”. In realtà un bambino che da poco ha superato un fatto infettivo è più facile che si riammali: così avere il muco al naso “quasi di continuo” è la norma. Vi consiglio quotidiani lavaggi nasali con la fisiologica, in modo da non favorire una sovrapposizione batterica. Tutto questo però immagino non impedisca ad Arianna di crescere e soprattutto di essere serena. L’ultimo fatto infettivo con febbre alta a cui accenna, è stato un po’ più importante degli altri ed ha lasciato una certa disappetenza fisiologica che scompare da sola (veda l’articolo sul sito “Disappetenza post infettiva”). Le consiglio di stare tranquilla, in modo da non preoccupare e spaventare la bambina. Non forzi Arianna con alimenti che rifiuta e continui comunque a prepararle i pasti che mangiava con regolarità: le dia un po’ di tempo per la ripresa. Sarebbe bello tranquillizzare la nonna o, eventualmente, allontanarla se le mettesse troppa ansia. Tra un po’ passerà l’inverno e con lui queste fastidiose, tipiche malattie dell’infanzia.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio