L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Equilibri tra carboidrati, proteine e frutta

Nome: Leo
Età del bambino: 15 mesi
Sesso: maschio
Comune: Bologna
Area tematica: Le giuste quantità
Domanda: Buongiorno,il mio bimbo ha quasi 15 mesi, è alto 85 cm circa e pesa sui 10 kg e 900.So che devo stare attenta alle proteine ma il piccolino è forzuto e sempre attivo; ama camminare, anche a lungo per strada, e fa tanta attività fisica (il vero spasso è spostare le sedie per tutta la casa che, fortunatamente, è piccina; salire e scendere dal divano è al numero due della classifica).Cerco di attenermi allo schema alimentare che ho capito essere consigliato:alla sveglia del mattino (che però varia dalle 4,30 alle 7) 240g di latte crescita; verso le 9- 9:30 tre-quattro biscotti e 100g frutta ca.Pranzo: 25-30g di cereali con un po di verdure che cerco di variare e un secondo (siamo sui 50-60g di carne e anche 100 di pesce come merluzzo o orata; ama molto il salmone ma cerco di dargliene sui 6 g); spesso dò i legumi che sono però il mio tormento: 10g secchi non gli bastano proprio!!! di pisellini freschi surgelati ne dò 30g e andiamo meglio. Tra le 15:30 e le 16:30 uno yogurt intero. Cena: 25-30g cereali più un uovo o 50g ricotta leggera o 80-10g pesce.Condisco a pranzo con un cucchiaino e mezzo di olio evo e la sera con un po meno di un cucchiano perché ho notato che gli fa peso (possibile?). La sera evito anche le verdure se non poche zucchine o erbette.Il problema è che Leo mi sembra spesso affamato malgrado queste quantità. Soprattutto, se per un periodo non si svegliava più verso le 00:00 chiedendo disperato il latte (davvero, so che non dovrei darglielo ma non c'è modo di consolarlo: è proprio fameee!!!) ora ha ripreso a farlo e comunque non va oltre le 4:00, quando poi diventa un po' presto per dargli la poppata del mattino, temo.Io mi regolo sulla distanza dalla cena e vario tra 100 ml di latte fino a 160 anche. Se si sveglia dopo le 4:00 gli dò invece direttamente i 220-240 ml. Nelle notti migliori, così arriva fino alle 7:30-8:00.(Comunque non mi lamento mica per le sveglie!! Anche se la notte scorsa, ad esempio, si è svegliato ogni due ore. Gli ho dato il latte le solite due volte tra le 23:45 e le 3:00 ma davvero ho avuto il dubbio che i due cucchiai pieni di semolino vero in brodo vegetale e i 60g di pollo non fossero stati sufficienti!Allora chiedo aiuto. Vorrei sia un parere sull'alimentazione complessiva (cerco, come dicevo, di variare abbastanza: dò anche coniglio e tacchino, oltre al pollo; vitello e manzo una o max due volte a settimana; uova un paio di volte; pesce 4-5 perché è il suo alimento preferito (surgelato o fresco); legumi un 4 volte; prosciutto cotto 1 max 2; per il resto ricottina leggera ma industriale. E' figlio di un parmense ma ne vuole sapere del parmigiano! Soprattutto vorrei un conforto sulle quantità perché non vorrei davvero che Leo soffrisse la fame! Ma vale anche per i bimbi una distribuzione di quantità e proteine in base all'altezza e all'attività fisica giornaliera?Mi scuso per la lunga domanda ma ad esempio oggi gli ho dato pastina di mais e riso con 60 g da cotti (c'era anche un po' d'acqua di cottura) di legumi misti e secondo me non riesce ad addormentarsi perché lo stomaco vorrebbe essere un po' più pienotto!Vi chiedo davvero di aiutarmi e confortarmi.Grazie mille e a presto,Anna
dott. federico mordenti pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott. Federico Mordenti

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Cara mamma Anna, innanzi tutto complimenti per l’impegno e l’attenzione impiegata nella gestione dell’alimentazione di Leo che sicuramente sta crescendo bene e non ravviso dai suoi parametri rischi malnutritivi di sorta. Ci sono un paio di questioni che ritengo importante sottolineare per aiutarla a migliorare lo schema alimentare. Da un punto di vista delle scelte e delle frequenze è tutto perfetto. Da un punto di vista delle porzioni, invece, temo debba ridurre le quantità di carne e pesce di circa il 50% (i legumi vanno bene) e aumentare le quantità di cereali a 35 grammi con una congrua porzione di verdure non solo a pranzo ma, assolutamente, anche a cena. A mancare è pure la frutta al pasto che consente di differenziare i sapori, apportare volume, con conseguente distensione gastrica senza eccedere con la quota calorico-proteica. Provi a correggere in questa direzione e vedrà che la fame tenderà a scemare, e poi ricordi che la richiesta di cibo non sempre avviene per fame ma anche per ricerca di conforto. La notte al primo risveglio provi ad offrire acqua o tisane senza zucchero e veda come va. Buona crescita.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio