L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Per feci morbide, frutta, verdure e acqua

Nome: Martina
Età del bambino:
Sesso:
Comune: Pesaro
Area tematica: Altro
Domanda: Salve, la mia bambina da circa un mese mangia la pappa a pranzo e da una settimana circa anche la sera. Al mattino e alla sera prima di dormire prende latte artificiale con un biscotto e a metà pomeriggio mezzo fruttino. La pappa la preparo come indicazione della pediatra, con brodo vegetale, farine di riso, mais e tapioca, un liofilizzato di carne, formaggio grana o ricotta e olio. Da quasi una settimana vedo che fa tanta fatica a fare la cacca, si sforza tanto e le feci sono un pochino dure. Come posso aiutarla? Grazie mille.
dott. federico mordenti pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott. Federico Mordenti

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Cara Mamma, durante il divezzamento può essere assolutamente normale che l’intestino vada adattandosi con qualche difficoltà alla nuova qualità alimentare, tanto più se l’alimentazione complementare viene inserita troppo precocemente, come è stato il caso di Martina (le ricordo che secondo l’OMS il momento giusto sarebbe stato ai 6 mesi). Rimanendo nello specifico del suo quesito, quello che emerge dall’alimentazione descritta, rispetto al rischio stitichezza, è l’assenza della quota di verdure nella pappa (a meno che per “brodo vegetale” non intenda anche il passato di verdure) così come l’assenza, a fine pasto, della frutta (grattugiata, o in omogeneizzato che sia), che apporterebbero una quota ragionevolmente alta di fibra tale da facilitare il transito intestinale. Al contrario, appare alta la quota proteica, a 5 mesi 1/3 del vasetto di liofilizzato è più che sufficiente e il grana va utilizzato in alternativa e non in aggiunta. Potrà inserire in questa fase anche i legumi (oltre agli altri secondi), particolarmente utili allo scopo di facilitare l’evacuazione sempre grazie alla quota di fibra. In ultimo, ma non per importanza, l’acqua: ricordi infatti che riducendo gli apporti di latte nel corso della giornata, si osserva spesso una difficoltà del bambino nell’assumere liquidi a sufficienza, con conseguente difficoltà nel formare feci morbide e voluminose. Buona crescita.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio