L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Frutta come primo alimento complementare?

Nome: Aurora
Età del bambino: 6 mesi
Sesso: femmina
Comune: Livorno
Area tematica: Preparazione pappe
Domanda: Buonasera, mia figlia è nata a 35 settimane +4, è stata allattata esclusivamente al seno e ora deve iniziare lo svezzamento. La pediatra mi ha consigliato di procedere pian piano con la frutta e poi passare alle prime pappe con brodi vegetali e cereali senza glutine. Ma tra la frutta e l'introduzione delle pappe quanto tempo deve passare? Grazie
dott. federico mordenti pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott. Federico Mordenti

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Cara mamma Stefania, l’indicazione dell’OMS è di attuare l’alimentazione complementare verso i 6 mesi e questo è ancor più vero per una bimba nata pretermine, dove anzi deve essere attesa l’età corretta per l’età gestazionale (nel caso di sua figlia: 6 mesi reali = 5 mesi corretti) in modo da garantire una più completa maturazione intestinale. Rispetto all’inserimento della frutta come primo step più che una linea-guida è una consuetudine antica e abbastanza desueta, che però spesso ancora molti pediatri seguono. Di fatto non vi è una ragione medico-nutrizionale, pertanto posto il limite dell’età di cui sopra, può tranquillamente partire con il classico divezzamento sapido con brodo vegetale e creme ai cerali che possono includere quelli con glutine entro il 7° mese di vita e ancor meglio se è ancora in essere l’allattamento materno. La frutta potrà essere offerta quindi dopo la pappa o a seguire negli spuntini di metà mattina o pomeriggio. Buon divezzamento e buona crescita.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio