L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Genitori separati e il bimbo mangia troppo. Può succedere.

Nome: Giulia
Età del bambino:
Sesso:
Comune: Mantova
Area tematica: Altro
Domanda: Buongiorno dottoressa, sono la mamma di una splendida bambina. Giulia frequenta la seconda elementare, tutti i giorni è a scuola fino alle 4. Da due anni viviamo dalla nonna (dopo una difficile situazione ho deciso di separarmi con il papà di mia figlia). È sempre stata una bimba ghiotta ma ultimamente la fame è esagerata e spesso nascono discussioni. Le propongo sempre alternative salutari ma pasta e cioccolato sono le richieste più assidue. Per favore mi scriva un suo parere. Grazie
Genitori separati e il bimbo mangia troppo. Può succedere.

Dott.ssa Maria Anna Tomaselli

Dietista

cara mamma Stefania, quello che mi scrive non mi sorprende per nulla. Purtroppo capita spesso che bambini “ghiotti”, come lei mi descrive la sua Giulia, durante una situazione difficile e dolorosa come la separazione dei genitori, facciano del cibo la loro consolazione preferita. E questo atteggiamento può sfociare in abbuffate e perdita di controllo. Le proposte alimentari salutari non dovrebbero essere una alternativa, ma l’unica possibilità. Mi spiego meglio. Se in casa c’è sia la frutta che la cioccolata, Giulia cercherà sempre la cioccolata. Se c’è solo la frutta, la discussione non ha motivo di nascere perché, appunto, in casa c’è solo la frutta. La pasta non è da demonizzare. Se offerta nella giusta quantità, con i condimenti giusti e accompagnata da verdure o legumi è un alimento che si può offrire anche la sera, anche se l’ha già mangiata a scuola, a mensa. A proposito di mensa, si accerti che a scuola non le sia servito il bis. E i nonni? È possibile che coccolino la loro nipotina con il cibo per “riempire” la mancata presenza del papà. È facile rifugiarsi nel cibo quando ci manca qualcuno.  Ed è facile cercare il cibo quando ci si annoia. La sua situazione non è tra le più facili.  Oltre a parlare con i suoi genitori per cambiare il modo di fare la spesa in casa, può cercare di passare più tempo con la sua bambina perché non si senta sola o annoiata e, se ne sente il bisogno e prima che la situazione peggiori, chiedere aiuto ad uno psicologo per superare, sia lei che sua figlia, questo delicato momento.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio