L'impegno di Coop Equipe Medica
×

L'esperto risponde

I ritmi dovrebbero essere regolari a partire dalla tenera età

Nome: Antonio
Età del bambino:
Sesso:
Comune: Catania
Area tematica: Le giuste quantità
Domanda: Gent.mi dottori, vorrei confrontarmi con voi sulla giornata alimentare di mio figlio. Ha 1 anno e 6 mesi, è alto 85 cm e pesa 10,1 kg, mangia abbastanza serenamente e ha sempre avuto una crescita adeguata. La mattina beve 210 ml di latte 3, pranza al nido alternando carne, pesce, formaggi e legumi. Il pomeriggio solitamente dorme qualche ora, anche fino alle 18, motivo per cui non gli faccio fare la merenda (anche perché poi non mangerebbe la cena) e verso le 18.30 gli preparo direttamente la cena, alternando pastina con le diverse proteine, verdure e frutta, escluso l'uovo che ultimamente non gradisce più. Purtroppo ancora non mangia il pasto completo come noi e a pezzi, pur chiedendo di assaggiare qualcosa che noi diamo tranquillamente perché non supera i due/tre assaggi. Mangia solo la banana per intero. Alle 22 poi altri 210 ml di latte 3. Quello che vi chiedo è se questa impostazione può andare e fino a quando posso mantenerla. E' consigliato dare ancora il latte prima di andare a letto e fino a quando? Nel mio caso però non è un'aggiunta ai pasti. Grazie e complimenti per il vostro lavoro.
Alessandra Piedimonte

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Cara Fabiola, la composizione dei pasti che lei descrive (sperando che le quantità siano adeguate, ovvero molto contenute) sembra appropriata, ma sulla distribuzione in realtà avrei qualcosa da obiettare, dato che così come lei sta facendo è come se Antonio facesse merenda con la cena e la cena con la merenda. Sebbene Antonio dorma tranquillamente sia il pomeriggio che la notte sarebbe il caso di iniziare a regolarizzare i suoi orari: il riposino pomeridiano sarebbe bene non superasse le 2 ore, e dovrebbe avvenire nel primo pomeriggio (indicativamente fino alle 15-16) in modo da garantirgli a quel punto la merenda prima e poi la cena (preferibilmente, a quest’età, condivisa con il resto della famiglia). Il latte prima di dormire a quel punto potrebbe essere tranquillamente eliminato o magari, se Antonio nonostante tutto lo richiede, decisamente ridotto (100 ml potrebbero essere sufficienti, eventualmente “togliendoli” dalla merenda, in modo che la quantità totale giornaliera resti invariata). Tutto questo processo ovviamente non potrà avvenire da un giorno all’altro, bisognerà infatti dargli il tempo di abituarsi ai nuovi ritmi della giornata, ma è bene iniziare fin da subito in modo da garantirgli dei ritmi regolari per il futuro. Per ulteriori dubbi ci contatti nuovamente.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio