L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Il pasto degli adolescenti tra scuola e sport

Nome: Dora
Età del bambino: 15 anni
Sesso: femmina
Comune: Moncalieri (To)
Area tematica: Educazione
Domanda: Buongiorno dottori, sono una ragazza di 15 anni. Vi ho già scritto altre volte in passato, questa spero che la mia domanda venga tenuta in considerazione, anche perché sollevo un problema che credo riguardi molti miei coetanei. Si tratta di come organizzare la propria alimentazione, non tanto nella distribuzione dei pasti e nei loro orari nell'arco della giornata (cosa senz'altro importante, ma che si riesce più facilmente a gestire), ma piuttosto cosa mangiare.Io, facendo il liceo scientifico (seconda), faccio sempre pranzo a casa con mio papà che esce da lavoro e viene a prendermi. Perciò molte volte capita di doverci arrangiare (a pranzo) con formaggio e qualche volta affettato e la sera si riesce a mangiare un po' meglio dato che c'è mia mamma, ma con questo non voglio dire che aumentino le quantità, ma si riesce a mangiare più facilmente un piccolo piatto di pasta, del pesce o carne. Le uniche cose che invece non mancano mai sono frutta e verdura, sia a pranzo che a cena. Qualche volta mia mamma riesce a preparare qualcosa anche per il pranzo, ma non si può pretendere che questo avvenga tutti i giorni. Si dice spesso di seguire un'alimentazione varia, ma per far si che questo avvenga ci vorrebbe tanto tempo sia per comprare, ma anche per cucinare. E con tutti i ragazzi che arrivano a casa da scuola e sono soli, mica si metteranno a cucinare la pasta? Molti acquistano panini o pizze al bar perché non hanno nessuno che prepara un piatto caldo e senz'altro più sano. Oltretutto spesso si arriva a casa e si è costretti a fare pranzo alle 1,30 quando va bene, altrimenti alle 14/15. Certo, volendo posso cucinare anche io visto che ho già 15 anni, ma è già tanto, con la scuola che faccio, riuscire a trovare il tempo di fare sport (basket) in una squadra, 2/3 allenamenti alla settimana più la partita. Ora la mia domanda: siamo sicuri che gli adolescenti abbiano tutte le condizioni adatte per avere una sana alimentazione e la possibilità di fare sport? La mia risposta: secondo me è no. Vorrei un Suo parere e qualche consiglio. Grazie
Il pasto degli adolescenti tra scuola e sport

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

carissima Dora, innanzitutto grazie per averci scritto, come abbiamo già avuto occasione di dire siamo sempre molto felici di poter interagire con voi ragazzi, oltreché con i vostri genitori, poiché proprio voi siete il futuro che dobbiamo curare e a cui mirano i nostri consigli o insegnamenti. Venendo alla tua domanda sono d’accordo con te sul fatto di non poter pretendere che mamma o papà possano fare più di ciò che fanno gestendo la casa, il lavoro, lo studio, lo sport…e tutto il resto che riguarda i figli. Quindi anche i figli soprattutto quelli della tua età in qualche modo è importante che imparino a gestirsi un po’ da soli (almeno per quanto possibile) per due motivi principali: diventare indipendenti e quindi dimostrare effettivamente di stare crescendo e dall’altra dare una mano a mamma e papà. Sul cucinare da soli, diciamo che sono abbastanza d’accordo col tuo ragionamento, sia per un discorso di sicurezza, ma anche e soprattutto perché tornando stanchi e affamati dalla scuola diventa in effetti utopistico pensare di mettersi lì a preparare i manicaretti. Allora come si può risolvere il tutto? Beh, intanto si possono utilizzare le regole della corretta alimentazione anche nel preparare un buon panino: la fonte di carboidrati ce l’abbiamo di partenza (il pane), una fonte di proteine la possiamo variare di giorno in giorno (prosciutto, bresaola, mozzarella, tonno, uovo sodo o frittatina….), una fonte di vitamine e minerali (insalata, pomodori, qualche verdura avanzata) non dovrà mancare, e poi a parte ci sarà la frutta: ecco, un buon panino con mozzarella e pomodoro più un frutto costituisce in realtà un pasto completo e nutriente, facile e veloce da preparare. Altrettanto facile e veloce può essere la preparazione di un’insalata contenente mais (carboidrati), fagioli o ceci (proteine), insalata , carote o verdura cotta… Bisogna quindi solo ricordarsi di variare le fonti proteiche. Finisco col ricordarti che un’altra cosa che è possibile fare, e che serve anche per passare un po’ di tempo con mamma, o con mamma e papà, è di passare qualche ora in cucina, il sabato o la domenica, preparando qualcosa da tenere in frigo o in congelatore e da usare poi nei pranzi o nelle cene della settimana a venire. Spero di aver risposto ai tuoi dubbi, se ne hai ancora contattaci nuovamente, saremo lieti di risponderti.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio