L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Inappetenza a pranzo, ma non a cena: la famiglia si riunisce a cena?

Nome: Aurora
Età del bambino: 20 mesi
Sesso: femmina
Comune: Forlì
Area tematica: Sano sviluppo
Domanda: Buonasera, le scrivo poiché non so più che fare con mia figlia. È passato un mese da quando rifiuta il pranzo, come lo vede inizia a lamentarsi e a dire no, però quando vede pane e formaggino o una piadina mangia tutto fino all'ultimo boccone. Questo succede tutti i giorni tranne la domenica, mangia la pasta con ragù e mozzarella senza fare capricci fino all'ultimo. Ho provato a non darle l'alternativa al pranzo ma comunque la situazione non cambia. Ho provato a metterle il piatto con il cucchiaio vicino per farla mangiare da sola ma allontana il piatto. La sera invece mangia tutto e da sola, frittatina, panzerotti al forno con verdure, bastoncini di pollo e di pesce ecc. Ne ho parlato anche con la pediatra ma lei mi ha detto che se non vuole mangiare non devo forzarla altrimenti ottengo l'effetto contrario. La bambina pesa 12,400 kg ed è alta più di 80 cm. So come non fa male se non mangia o se mangia poco ma comunque sono preoccupata. Esiste qualche metodo per riuscire a farla mangiare? Io non so più che fare e inizio a preoccuparmi. Grazie
Inappetenza a pranzo, ma non a cena: la famiglia si riunisce a cena?

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Cara Monica, mi spiace darle per prima cosa una brutta notizia, ma sua figlia si trova purtroppo in una situazione di sovrappeso, come risulta dalle tabelle OMS. Dunque dovremo cercare un metodo per NON farla mangiare, non uno per farla mangiare di più!

Ingoiato il rospo della brutta notizia, sono d’accordo con lei che qualcosa non stia funzionando. La prima domanda, e principale, è questa: ma cosa c’è di diverso tra il pranzo e la cena? E la domenica? Per ciò che mi scrive posso ipotizzare che magari a cena o la domenica la famiglia sia al completo e sia questo a fare la differenza nel fare o meno i “capricci” alimentari. Potrebbe anche essere ad esempio che con lei si sia instaurato un meccanismo di “lotta” e che Aurora abbia imparato che rifiutare il pranzo comporta una preoccupazione per mamma e quindi una maggiore attenzione nei suoi confronti. Se fosse questo il caso il mio consiglio sarebbe quello di cercare di togliere attenzione al cibo, di prepararle ciò che lei ritiene opportuno – e soprattutto nelle giuste quantità! – e se Aurora non mangia pazienza, mangerà al pasto successivo, nel quale peraltro dovrà evitare accuratamente di compensare con quantità superiori al necessario. Un’altra possibilità, verosimilmente presente dato il peso in eccesso, è che la sua bambina faccia una merenda di metà mattina (o anche una colazione) troppo abbondante, che non le permette di arrivare al pranzo con il dovuto appetito. Se fosse questo il caso, il mio consiglio sarebbe di ridurre le quantità a colazione e/o merenda. La invito in ogni caso a non sottovalutare quanto le ho evidenziato all’inizio, onde evitare di trovarsi poi a combattere con un problema di peso più grave in tempi più o meno ravvicinati. Per ulteriori consigli mi contatti nuovamente.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio