L'impegno di Coop Equipe Medica
×

L'esperto risponde

Inappetenza e alternative

Nome: Marco
Età del bambino:
Sesso:
Comune: Palermo
Area tematica: Altro
Domanda: Gentile Dottoressa, premetto che a casa siamo tutti vegetariani. Marco ha da sempre mangiato in maniera corretta crescendo sempre bene, è sempre stato al 90esimo percentile, ha avuto alcuni periodi (dentizione, mal di gola o malessere generale) in cui mi lasciava la pappa, ma di solito ha sempre mangiato tutto. Beve latte la sera prima della nanna circa 500 ml e la mattina 150 ml. Da un po' di giorni saranno ha iniziato ad assaggiare 3/4 cucchiai il cibo e poi lo lascia. Non vuole proprio saperne e dopo un’ora cerca il latte. Ha iniziato a svegliarsi anche la notte perché vuole il latte visto che la sera non mangia più e quindi non si sazia. Cosa devo fare? Devo assecondarlo? O quando dopo i pasti (che non fa) mi chiede il latte devo riproporgli ciò che ha lasciato? Essendo vegetariani sono sempre stata molto attenta a ciò che gli offro e adesso comincio a preoccuparmi (anche se il latte è sempre il formulato). Grazie e spero in una sua celere risposta.
mordenti_s

Dott. Federico Mordenti

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Cara mamma Rosalba, spero non le dispiaccia se le rispondo in vece delle mie colleghe ma è l’unico modo per non far trascorrere troppo tempo. Iniziamo con il dire che la scelta di crescere un bambino in modo vegetariano è a mio parere una scelta sana solamente a patto che venga attuata con delle competenze specifiche e con il parere dello specialista che aiuti a garantire al bambino i fabbisogni per un sano accrescimento; il fatto che lei – brava! – utilizzi il latte in formula certamente aiuta, ma per aver certezza che tutto sia in ordine e non ci sia rischio di carenze sarebbe bene sentire comunque un esperto di nutrizione pediatrica. Ci racconta che Marco è sempre cresciuto bene e che avete gestito l’alimentazione con molta attenzione. Al momento ci descrive una modalità che richiama a una protesta più che a un problema alimentare anche perché, se non ho mal interpretato, è prevalentemente legata al pasto serale. Il consiglio è di non assecondare Marco, evidentemente assumere latte gli costa molta meno fatica (temo non abbiate abbandonato il biberon, o sbaglio?). Mezzo litro di latte è una quantità francamente eccessiva, e peraltro, dal momento che non è più un lattante, non può dargli comunque la sazietà per una notte intera. Il fatto è che fintanto che avrà l’alternativa comoda e gradita, sarà difficile portarlo a mangiare ciò che di fatto sarebbe indicato ovvero una cena con primo piatto, una fonte proteica, vegetale o animale che sia, verdure e frutta. Le ho descritto il modello di menù perché sembrerebbe che Marco, a 2 anni compiuti, assuma ancora “pappe”, di cui verosimilmente, e direi anche a ragione, si è stufato. Fategli mangiare con voi la vostra bella cucina vegetariana “da grandi”, non date alternative e vedrete che ritroverà l’interesse per in cibo. Buona crescita.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMAZIONE SULLA PRIVACY

campo obbligatorio