L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

La bambina è pallida? Colpa della mancanza di ferro

Nome: Serena
Età del bambino: 20 mesi
Sesso: femmina
Comune: san pancrazio
Area tematica: Allattamento e divezzamento
Domanda: Buongiorno, sono una mamma di una bimba di 20 mesi, allattata ancora al seno. La bambina mangia poco, perché vuole sempre il seno. Comunque cresce bene, l’unica mia preoccupazione è che la vedo un po’ pallidina. Ha una carnagione molto chiara, è bionda. Vorrei sapere: che vitamine ci sono ormai nel latte del mio seno? La piccola non conosce altro latte. Grazie.
La bambina è pallida? Colpa della mancanza di ferro

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Carissima Antonella, a 20 mesi la sua bambina dovrebbe ormai avere un’alimentazione di tipo “adulto”, per cui, dato che la cosa fa piacere ad entrambe, è senz’altro giusto mantenere l’allattamento materno, ma cercando di contenere il numero delle poppate a un paio al giorno. Sono certa che molte delle volte in cui Serena cerca il seno lo fa per la vicinanza con la mamma, per mantenere il contatto e cercare una coccola “speciale”, ma nel seno c’è comunque latte, e così tante poppate finiscono per significare tanto latte. E dunque questo le manterrà un certo senso di sazietà, per cui al pasto la sua piccola non avrà appetito. Il fatto che la crescita sia buona purtroppo non garantisce la copertura del fabbisogno di tutti i micronutrienti. Consideri ad esempio che una delle ragioni per cui al sesto mese bisogna iniziare l’alimentazione complementare sta proprio nello scarso contenuto di ferro nel latte materno rispetto al fabbisogno di bambino, e che inoltre proprio dai 6 mesi il contenuto di ferro del latte materno, già scarso di suo, si riduce ulteriormente. Non è detto che sia questa la ragione del pallore della sua bimba, in fondo è bionda e dunque appare spesso pallida anche se non lo è realmente, ma una carenza di ferro non si può escludere, soprattutto se gli altri cibi rappresentano una quota minoritaria della sua alimentazione. Per cui le consiglio di iniziare a limitare un po’ le poppate, così da favorire una corretta alimentazione, magari facendosi aiutare, nel somministrare il pasto, dal papà, nonni e zii, in modo da evitare a Serena la frustrazione di volere il latte e non poterlo avere. Mi contatti se ha altri dubbi.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio