L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

La merenda giusta dopo l’attività fisica

Nome: Federico
Età del bambino: 8 anni
Sesso: maschio
Comune:
Area tematica: Movimento e stili di vita
Domanda: Ho iscritto mio figlio a nuoto quest’anno e vorrei sapere se una pizzetta e un succo possono essere sufficienti per merenda dopo lo sforzo fisico.
dott. federico mordenti pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott. Federico Mordenti

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Il nuoto è un’attività completa per un bambino di 8 anni e in grado di aiutarlo nella crescita. Tuttavia, non comporta il dispendio calorico che lei probabilmente gli attribuisce. Nello specifico, su un’ora di nuoto, un bimbo effettua l’attività vera per un massimo di 30 minuti (ammesso che in quei 30 minuti stia nuotando costantemente, e non a bordo vasca attendendo il proprio turno), con un consumo medio di circa 180 kcal, pertanto lo spuntino proposto (a occhio e croce sulle 300-350 kcal) appare eccessivo. Peraltro il succo va inteso non come una bevanda, ma come un alimento vero e proprio, è ricco in zuccheri e 200 ml forniscono circa 120 calorie. Le propongo come alternative di merenda un bel frullato di frutta o un panino con marmellata o una “panzanella” (pane e pomodoro, con un filo d’olio), comunque sempre rimanendo al di sotto delle 150-180 calorie.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio