L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

La nascita di una sorellina può essere un fattore “sconvolgente”

Nome: Camilla
Età del bambino:
Sesso:
Comune: reggio nell'emilia
Area tematica: Altro
Domanda: Buonasera, ho un problema con la mia bambina che da quando è nata la sorellina, e cioè un mese, non mangia più pappe. Beve solo latte dal biberon come la sorella. Ho provato di tutto e non immagina quanti omogenizzati, formaggini, pastine ho buttato. Parto dal presupposto che non è mai stata una gran mangiona né amava masticare troppo però almeno le pappe, le creme e le pastine le mangiava, ora più nulla. Per evitare che si debiliti troppo sostituisco ai biscotti un uovo fresco oppure mais e tapioca, semolino, multicereali e crema di riso. Abbiamo provato a farla sedere a tavola con noi per assaggiare il nostro cibo ma nulla si dimena fino a provocarsi colati di vomito. Ho provato a farla venire in cucina con me facendole preparare frittatine a forma di animali ma nulla. Non so se è la fase dei terribili 2 anni oppure vuole attirare la mia attenzione per via della sorellina appena nata. Non so come fare. Grazie
La nascita di una sorellina può essere un fattore “sconvolgente”

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Cara Caterina probabilmente la spiegazione a questo nuovo atteggiamento di Camilla sta esattamente nel mezzo delle ipotesi che lei stessa ha fatto. Mi spiego meglio. Già di per sé a 2 anni i bambini tendono a manifestare quella “caparbietà” che è il primo indice di sana autonomia iniziando quindi ad essere più rigidi, risoluti nelle loro richieste e quindi possono apparire a noi genitori più “capricciosi”. In realtà tutto ciò è, finché resta nei limiti della normalità, del tutto fisiologico, poiché il bambino inizia a capire di essere un individuo diverso dal genitore con dei propri bisogni e desideri, che, mantenendo sempre il polso della situazione e non dimenticando mai che gli adulti siamo noi, vanno quando possibile assecondati. Su questo substrato, per la sua bambina si è innescato un nuovo fattore “sconvolgente”, e cioè la nascita della sorellina con tutte le rivoluzioni che un neonato porta con se. Già di per sé i bambini tendono poi ad imitare gli atteggiamenti degli altri bambini con cui sono più a contatto e forse è proprio questo che sta facendo la sua Caterina, non tanto magari per attirare l’attenzione quanto per “uniformarsi” alla nuova presenza in casa. Per cui il mio consiglio è di avere pazienza nel spiegarle che lei essendo più grande ha bisogno di mangiare in maniera diversa rispetto alla sorellina e magari cercando di “responsabilizzarla” proprio coinvolgendola nell’accudimento della piccola. Cerchi però di non trattare anche lei come una neonatina (omogeneizzati, latte, farine, ecc.) altrimenti avrà solo confusione non capendo bene se è grande o piccina.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio