L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Latte di partenza: come sceglierlo

Nome: Luca e Michele
Età del bambino: 17 mesi
Sesso: maschio
Comune: Torino
Area tematica: Allattamento e divezzamento
Domanda: Volevo chiedere se il latte in polvere prodotto da una cooperativa è paragonabile con altri latti in commercio. Avevo intenzione di usare il latte in polvere della cooperativa per i miei gemelli (neonati), ma la mia pediatra me lo ha sconsigliato dicendo che non è sufficientemente adatto e che non è in grado di coprire il fabbisogno nutrizionale del bambino. Ho usato altri prodotti della stessa cooperativa e mi sono sempre trovata bene perciò non vorrei che l’opinione della mia pediatra fosse basata sull’aspetto puramente commerciale (conoscenza della marca).
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Gentile Magda, tra i dati che mi invia c’è probabilmente un piccolo errore, infatti lei parla di neonati ma poi scrive che i suoi figli hanno 17 mesi. Quindi non mi è chiaro se i suoi gemelli hanno uno, sette o diciassette mesi. È importante questa precisazione perché è diverso parlare di latte di partenza o di proseguimento o di latte di crescita, date non solo le loro diverse specificità ma anche la diversa normativa che si applica nella loro preparazione.

Mi soffermerò quindi esclusivamente sui primi, cioè i latti consumati fino ai 6 mesi di età, poiché sarebbe troppo lungo parlare di tutti. Naturalmente ribadisco il concetto che nessun latte è buono quanto quello di mamma e che l’allattamento materno va sempre favorito.

Tutti i latti per lattanti in commercio sono alimenti completi in grado cioè di soddisfare da soli, nei primi mesi di vita di un bambino sano, i suoi fabbisogni nutritivi. Infatti tali latti devono rispondere ai rigidi requisiti definiti dalla direttiva 141/2006 che stabilisce il range della loro composizione dopo opportuna ricostituzione come definito dal produttore. Considerando la severità della normativa mi sentirei di affermare in tutta tranquillità che tutti i prodotti in commercio, senza eccezione, possono essere utilizzati per l’alimentazione dei lattanti. Le cooperative, per il loro stato giuridico, possono presentare il vantaggio della maggiore economicità che particolarmente nel caso di due gemelli non va sottovalutato.

La diversità in alcuni aspetti della composizione dei vari latti, sia se per i primi sei mesi, sia se di proseguimento o di crescita è legata all’aggiunta di alcuni componenti che ne possono favorire la digeribilità o migliorarne la palatabilità o altre funzioni specifiche e che al momento non sono ancora considerati essenziali dalle società scientifiche e dalle autorità preposte al controllo. Un bacio ai suoi gemelli.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio