L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Le bizze con papà

Nome: Sophie
Età del bambino: 20 mesi
Sesso: femmina
Comune: AGRIGENTO
Area tematica: Educazione
Domanda: Salve, la mia bambina di 20 mesi da qualche settimana comincia a fare i capricci a tavola, o meglio solo a cena quando a tavola è seduto anche papà. Premetto che siamo una famiglia più che serena, io lavoro da casa per cui la bambina mi ha tutta per sé durante il giorno; cosa ben diversa per il padre, che rientra a casa solo nel tardo pomeriggio. Ebbene, malgrado le attenzioni che le riserviamo, sembra che in presenza del padre le piaccia fare i capricci a tavola. Rifiuta quasi sempre la pasta e si lascia andare a dei veri e propri attacchi di isteria che non riusciamo francamente a gestire e che ci sorprendono. Come possiamo intervenire e far si che il momento dei pasti insieme sia piacevole e non una chiassosa tragedia? Grazie
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Gentile Silvia, è evidente che lei sembra cogliere il nodo del problema e cioè che per Sophie la cena non è come il pranzo, per la presenza di suo padre. Questi animaletti sono in grado di adattarsi istintivamente ad ogni situazione e di sfruttarla sempre a loro vantaggio. Forse la piccola avverte che le vostre attenzioni sono “troppe” e ciò la legittima a richiederne sempre nuove. Sarà una sensazione la mia, ma mi piacerebbe osservare il bravo papà che, dopo una giornata in cui non ha visto la sua piccina, si sforza di darle tutto l’affetto di cui è capace per impedire che la cena si trasformi in una chiassosa tragedia, mentre la piccina vorrebbe ancora di più.

1- Se rifiuta la pasta: non vi allarmate. Continuate a mangiare la vostra porzione facendole osservare che è buonissima, non mangiarla per qualche giorno non modificherà la sua crescita.

2- Se si lascia andare a crisi isteriche: ignoratela. Due sono i momenti i cui i bambini vanno prontamente consolati, ovvero quando hanno dolore oppure paura. In questo caso invece si tratta solo di un capriccio che se ogni volta verrà assecondato diventerà sempre più grande e complicato.

Non vogliamo trascurare Sophie, vorremo solo che così capisse quale è il suo spazio nella famiglia e che tutti ne hanno uno loro, che va rispettato. Fatemi sapere.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio