L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Le poppate notturne

Nome: Matteo
Età del bambino: 12 mesi
Sesso: maschio
Comune: trento
Area tematica: Allattamento e divezzamento
Domanda: Gentile dottoressa, ho allattato al seno mio figlio che è sempre stato un bimbo grande (pesa 11 kg per 80 cm), anche dopo l'introduzione delle pappe, che ha rifiutato fino agli 8 mesi. Nonostante mangi merenda (frutta, spesso banana perché rifiuta altri tipi), pranzo (passato con pastina o pasta al pomodoro con carne o pesce) e cena (spesso pappa di latte con latte artificiale e semolino o farina ai cereali), continua a volere essere allattato: lo allatto per addormentarsi, 2 volte durante la notte più una volta al mattino. Vorrei mantenere l'allattamento solo mattina e sera. Come posso fare ad eliminare le poppate notturne? Ho provato a cercare di riaddormentarlo prendendolo in braccio, ma si dispera e piange come un disperato anche per un'ora. Come posso fare? Grazie mille!
Le poppate notturne

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Carissima Ketty, vorrei innanzitutto ribadire quanto sia importante l’allattamento al seno e che lei fa assolutamente bene a volerlo mantenere il più possibile, ma mi rendo conto che allattare Matteo 4 volte tra la sera e la mattina seguente possa essere un po’ stancante per lei. Da ciò che mi scrive però potrei ipotizzare che quella di Matteo non è, come può capitare per molti bambini, solo voglia di coccole notturne, ma forse il suo bambino non si sazia abbastanza con la cena composta da pappa di latte con semolino o farina ai cereali. Mi viene da chiedere, però, perché la cena di latte sia composta da latte artificiale se invece lei, mamma, di latte ne ha e ancor di più perché a 12 mesi il suo bambino non abbia già iniziato a fare una cena completa (come il pranzo). Vorrei quindi consigliarle di iniziare a introdurre una cena completa, strutturata grosso modo come il pranzo, cercando di alternare soprattutto la qualità delle proteine (carne, pesce, legumi, formaggi, uovo) e valutare se in effetti una cena più sostanziosa e nutriente riesca a mantenere il suo bambino sazio più a lungo, mantenendo, come lei vorrebbe, le poppate materne la mattina e la sera, ed eventualmente anche al pomeriggio, al posto della frutta, oppure insieme con questa. Se metterà in atto questi cambiamenti, peraltro, qualcosa dovrà cambiare anche di notte: innanzitutto, Matteo dovrebbe – se possibile – dormire fuori dalla vostra camera; poi, dei suoi risvegli notturni sarà bene che se ne occupi il papà, e non lei. L’odore di latte che lei si porta inevitabilmente dietro, e il contemporaneo rifiuto di darglielo, sembrerebbero a Matteo un’incomprensibile punizione, e lo renderebbero solo molto nervoso e impossibile da far riaddormentare. Mi tenga aggiornata.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio