L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Legumi ai bambini? Uniti alla pasta sono un pasto completo

Nome: Giulio
Età del bambino: 8 anni e 5 mesi
Sesso: maschio
Comune: Ragusa
Area tematica: Disturbi dell’alimentazione
Domanda: Giulio mangia poche cose (pasta, legumi-fagioli e lenticchie, uova, carne a stento 1 volta a settimana, bastoncini di pesce, frutta, banane). E’ possibile incrementare l’uso dei legumi, visto che li ama? E’ necessario dare degli integratori? Vorrei evitare di fargli mangiare pasta a pranzo e cena. Datemi dei consigli. Grazie
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Gentile Giovanni, nonostante Giulio “mangia poche cose” fortunatamente si tratta di cose buone. Questo vuol dire che ben organizzate e distribuite nella settimana le cose che mangia permettono di coprire quasi tutti i suoi fabbisogni nutrizionali. In particolare i legumi offrono un doppio vantaggio: avere un buon contenuto proteico sia quantitativamente che qualitativamente, tanto che se uniti alla pasta costituiscono un pasto completo che non ha bisogno di secondo; ed avere un discreto contenuto di fibre, anche se dovrebbero sempre aggiunte le verdure e la frutta per i loro sali minerali e vitamine. È evidente però che, pur tranquillizzandola, la invito a non arrendersi a preparare solo ciò che Giulio gradisce. Infatti è stato visto che per rendere gradito un alimento bisogna ripeterne gli assaggi. Quindi ben venga un maggior consumo di legumi, però senza perdere mai di vista nuovi sapori, soprattutto verdure e frutta di stagione, che la famiglia deve comunque consumare e portare a tavola esaltandone la bontà. In queste situazioni l’esempio vale più di ogni incitamento o rimprovero a mangiare.

Se riesce a distribuire bene gli alimenti durante la settimana non sono necessari integratori.

Riguardo alla domanda sulla pasta a cena le rispondo che non è mai stata obbligatoria, può benissimo essere sostituita da pane o patate, validi equivalenti in carboidrati; in ogni caso, si tratti di pasta, riso, pane, o patate, le quantità nel pasto della sera dovrebbero essere un po’ meno di quelle a pranzo.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio