L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

L’introduzione della cena e nuovi alimenti

Nome: Febe
Età del bambino: 6 mesi e 3 settimane
Sesso: femmina
Comune: Francia
Area tematica: Sano sviluppo
Domanda: Gentili medici, prima di tutto complimenti e grazie per questo sito meraviglioso.Ho cominciato il divezzamento di mia figlia (ad oggi 67 cm per 7,3 Kg) un mese fa e attualmente fa i seguenti pasti: alle 6:30 e alle 8:30 latte materno al seno; alle 11:45 pranzo con passato di 3-4 verdure più un po’ di patata; un cucchiaio di passato di proteine (alterno coniglio, pollo, tacchino, agnello, sogliola o merluzzo sempre preparato da me) e uno o due frutti grattugiati (mela e albicocca o pesca); alle 14:00 170 ml di latte materno; alle 16:30 150 ml di latte d'asina; alle 18:30 latte materno (seno) e poi nanna tra le 19 e le 20. Poi latte materno agli uno o due risvegli notturni.Avrei le seguenti domande: quando posso aggiungere legumi e uova per alternare con la carne? Il latte d'asina (alla babysitter non riesco a lasciare più di 200 ml di latte mio); posso eliminarlo e proporre una merenda di 200 ml di latte materno da dare in due volte? Altrimenti con cosa posso sostituirlo? Quando posso introdurre la cena? Tante grazie.
L’introduzione della cena e nuovi alimenti

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Cara Emilia innanzitutto grazie per i complimenti, ci fa sempre piacere riceverne, come ci fa piacere ricevere critiche costruttive. Tornando alla sua domanda inizierei dalla cena, che si può introdurre sin da subito (in genere si introduce circa 1 mese dopo l’inizio del divezzamento). I legumi può introdurli sin da subito, cercando di proporre inizialmente lenticchie decorticate o passate in modo tale che vadano via le cuticole esterne che possono dare problemi di meteorismo. Anche l’uovo si può introdurre presto, anche già quando inizia i legumi: la cottura più digeribile è à la coque e tendenzialmente si inizia con ¼ per arrivare poi al massimo a ½ uovo. Proprio il fatto che Febe viene ancora (fortunatamente!) allattata al seno infatti la mette un po’ più al riparo da eventuali allergie alimentari che potrebbero svilupparsi.

Mi chiedo perché a pranzo non dà la pastina (o farine varie), oltre alle verdure e alla patata: sarebbe importante infatti aggiungere 2-3 cucchiai di farina di mais o mais e tapioca o semolino o pastina piccola (questo ovviamente vale anche per la cena). La merenda del pomeriggio la manterrei con il suo latte (anche 200 ml di due volte può andar bene) , ma comunque nel pomeriggio basta una sola merenda, magari anticipando un po’ la cena se vede che la sua bimba ha molta fame e lasciando al seno un’eventuale poppata prima della nanna o durante la notte. Per ulteriori dubbi ci contatti nuovamente

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio