L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Mia figlia chiede il bis, sarà per colmare un vuoto?

Nome: Aurora
Età del bambino: 14 mesi
Sesso: femmina
Comune: BOLOGNA
Area tematica: Educazione
Domanda: Buongiorno, da tempo le maestre dell'asilo nido mi segnalano che la mia bimba mangia con molta foga, le danno il bis, e ha fame spesso (non mi hanno però specificato da cosa capiscono che ha fame e non è invece solo esigenza di maggiore attenzione). A casa è molto regolare, mangia per colazione 230 ml di latte, 2 massimo 3 biscotti, fa merenda alle 11 con mezza mela grattugiata oppure una intera a seconda delle attività che la impegnano fino a quell'ora, poi riposa, pranza alle 12.30/13 con giuste quantità, secondo me, variando le pietanze (es. pasta/pastina circa 50 grammi con le verdure frullate, secondo 50 gr di mozzarella o pesce e mezza pera), poi riposa verso le 15.00. Si sveglia e fa merenda verso le 16.30 con della frutta o yogurt e poi cena alle 19.00 con porzioni come il pranzo. A casa non mangia fuori dai soliti orari, la mia "paura" è che all'asilo siano le maestre che interpretino ogni sua richiesta come fame e le diano da mangiare di più e più volte al giorno con biscottini o stuzzichini vari. La bimba vive durante la settimana solo con me, i nonni abitano in altre regioni e il papà lavora e vive in un'altra città (torna nei weekend) e secondo le maestre quando mangia colma del vuoto... se fosse questo il motivo dovrebbe farlo anche a casa mentre per me il vuoto ce l'ha all'asilo per mancata o parziale attenzione nei suoi confronti. Dicono che devo stare attenta alla sua linea ma la bimba ha 14 mesi è alta 79 cm e pesa 11 kg. Voi, cosa ne pensate? Mi date dei consigli? Grazie
Mia figlia chiede il bis, sarà per colmare un vuoto?

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Cara Elisa, devo dire che mi sembra un pochino eccessivo da parte delle maestre affermare che la sua bimba “quando mangia colma del vuoto”, soprattutto mi auguro vivamente che non si sia instaurato un pericolosissimo legame tra alimentazione e stato d’animo che sinceramente mi sento di escludere in primis per la modalità di alimentazione della sua bimba (che mi sembra di capire mangi a orario senza troppe storie e un po’ di tutto, quando è a casa) e poi anche per l’età di Aurora. Quello che invece una bimba di quest’età capisce perfettamente è che in ambienti diversi possono valere regole diverse, e dunque all’asilo si può ottenere di mangiare quanto si vuole (che sia per gola, per fame, o per richiesta d’attenzione poco importa), mentre a casa questo non è consentito. Per cui il mio primo consiglio è di non farsi prendere dai sensi di colpa per il fatto di dover lasciare la sua bimba all’asilo dove d’altronde non può avere tutta l’attenzione che le dà la sua mamma a casa. Le consiglierei però di insistere e di essere categorica nell’imporre alle maestre di concedere sì ad Aurora tutto ciò che le spetta (primo-secondo-verdura-frutta, merende) ma di non cedere alla tentazione del bis o tris anche se la bimba dovesse richiederlo con insistenza, il rischio infatti è che così facendo stravolgano quello che è il naturale e fisiologico senso di sazietà e il corretto frazionamento dei pasti (se per esempio Aurora mangia troppo a merenda rischia di avere meno appetito a pranzo e via dicendo). Dalle misurazioni che lei ci invia la sua bimba risulta essere assolutamente nella norma, mi sento però di suggerirle di stare un pochino più attenta alle porzioni a casa (consideri che la quantità di pastina per la sua bimba sono circa 25-30 g e non 50 g e di mozzarella circa 20 g e non 50 g). Per ulteriori dubbi non esisti a contattarci.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio