L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Mia figlia è cicciottella: che posso fare?

Nome: Aurora
Età del bambino: 28 mesi
Sesso: femmina
Comune: Modica
Area tematica: Educazione
Domanda: Salve la mia bimba è in sovrappeso. Pesa 18 kg, è alta 95 cm e da quando è nata è sempre stata cicciottella. La mia domanda riguarda le quantità che dovrebbe assumere visto che la sua pediatra mi dice di lasciarla stare perché sostiene che sia così di costituzione. Lei assume 250 gr di latte di crescita a colazione (prima mettevo due biscotti, ma adesso non più). Verso le 10,30 mangia due biscottini di soia o 1 o 2 fette biscottate integrali o al malto. A pranzo 2 cucchiai di pastina con brodo vegetale o pomodoro o con l’uovo (che mangia solo se fatto con la pasta, ma poi niente secondo) o legumi con l’aggiunta di un cucchiaino da caffè di parmigiano e uno di olio extravergine di oliva, per secondo 30\40gr di carne o pollo e (ma non sempre) un vasetto di frutta (purtroppo non vuole saperne di assaggiare la frutta fresca). A merenda mangia uno yogurt o un vasetto di frutta e verso le sei una fetta biscottata. A cena assaggia solo un paio di fette di pane e poi mangia 250gr di latte perché non vuole nient’altro. A volte il sabato mangia una fetta di pizza e qualche patatina, ma poi non mangia il latte. Questa è la sua giornata tipo: mi chiedo allora dove sbaglio? Perché, nonostante tutto quello che cerco di fare, lei è comunque troppo pesante? Datemi qualche consiglio, per favore. Grazie (dimenticavo: come tutti i bambini ogni tanto mangia mezzo ovetto o un lecca lecca, ma capita di raro)
Mia figlia è cicciottella: che posso fare?

Dott.ssa Assunta Martina Caiazzo

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Cara mamma Elvira, la sua Aurora è al di sopra del 95° percentile sia per quanto riguarda il peso che l’altezza; dunque ha sì un centile molto alto di peso, anche se altrettanto alto è il suo centile dell’altezza. Lei è molto brava a porre attenzione all’alimentazione della sua Aurora, ma ci sono comunque delle cose che io modificherei: se il pranzo è a distanza di circa 2-3 ore dalla colazione, francamente non le farei fare anche una merenda, o al massimo le darei un frutto che può frullare lei in parte dandone magari sempre un pezzettino ad Aurora e invitandola all’assaggio, così che piano piano impari a mangiare la frutta fresca.

A pranzo, se è presente il secondo, eviti di aggiungere il parmigiano. Il pomeriggio a merenda va benissimo lo yogurt che potrebbe alternare con un frullato fatto con latte e frutta fresca, ma poi si può tranquillamente arrivare direttamente alla cena, non è dunque assolutamente necessario – e anzi anche nocivo – che prenda la fetta biscottata o altro alle 18, facendo due merende.

A cena poi dia ad Aurora un secondo piatto con un contorno e una piccola quantità di pane, come presumo faccia anche il resto della famiglia. Non è assolutamente necessario che prenda il latte dopo, e lei non lo proponga anche se salta il pasto serale: se salta il pasto vuol dire che evidentemente non ha fame!

Il sabato potrebbe andare bene la pizza, se abitualmente la consumate tutti in famiglia, ma la pizza è la cena della sua piccola così come lo è di voi tutti: dunque, di nuovo, non serve darle anche il latte. L’ovetto di cioccolata, il lecca lecca, le patatine come tutto ciò che comunemente viene definito “schifezza” sono strappi alla corretta alimentazione e dunque possono esserci, ma con molta parsimonia.

Ricordi, cara Elvira, che il modo corretto di mangiare e i ritmi alimentari della giornata si possono insegnare sin dalla più tenera età. Inoltre lei dice che ha cambiato l’alimentazione da un po’ di tempo ed allora io mi chiedo cosa faceva prima di cambiare. È infatti possibile che i 18 chili siano dovuti ad un’alimentazione piuttosto scorretta precedente, i cui effetti negativi potrebbero ridursi molto se ora continua sulla strada corretta.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio