L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Mia figlia mangia poco e io sono disperata

Nome: Ginevra
Età del bambino: 12 mesi
Sesso: femmina
Comune: Ceccano
Area tematica: Sano sviluppo
Domanda: Salve, volevo chiedere un consiglio. Mia figlia ha fatto l'anno il 31/10, pesa 7,500kg ed è alta 76 cm. Non ne vuole saperne di mangiare. In un mese non ha messo su nemmeno un etto. Eppure quando le do da mangiare non faccio trasparire nessuna emozione, perché se mi vedesse in difficoltà ne approfitterebbe. Riesco a darle solo 2-4 cucchiai di minestrina. La preoccupazione è che il suo peso non aumenta. Non so più cosa fare, è da quando è nata che ha questo brutto rapporto con il cibo. Il latte non lo beveva mai, dopo abbiamo iniziato lo svezzamento e all'inizio non ne voleva sapere nemmeno delle pappe. Adesso sono due mesi che non prende peso. In più da due giorni la notte si sveglia di continuo e piange, cosa che non è mai successa. Aspetto vostri consigli
Mia figlia mangia poco e io sono disperata

Dott.ssa Maria Anna Tomaselli

Dietista

cara mamma Mariana, in effetti la sua Ginevra è molto esile. Il suo peso si trova, infatti sopra il 3° percentile e la sua lunghezza al 50°. Significa che è lunga come le sue coetanee, ma il suo peso è sotto la media. Siamo però in una situazione ancora fisiologica. La frase che più mi ha colpito nella sua lettera è quel “ quando le do da mangiare non faccio trasparire nessuna emozione”.  Questo suo sforzo mi fa capire che è davvero preoccupata e forse sfinita dall’atteggiamento che Ginevra ha nei confronti del cibo. Anche quel “ se mi vedesse in difficoltà ne approfitterebbe” mi fa capire quanto lei sia disperata pur cercando di reagire di fronte al caratterino di sua figlia. Ma forse non proprio saggio nutrire la bambina con una maschera di indifferenza. Perché non prova a sorridere ed a coccolare la bambina mentre mangia? Forse Ginevra ha bisogno di capire che mangiare è un’attività piacevole. Forse, e sottolineo forse, più che un cattivo rapporto col cibo, Ginevra non ha un buon rapporto con lei. Oppure, semplicemente, sua figlia non è inappetente ma mangia il giusto che le serve. Le voglio dare una bella notizia. Ginevra ha più di un anno e il peggio è passato. Che cosa voglio dire? Non deve più preparare minestrine e pietanze solo per lei. Ginevra può consumare tranquillamente i pasti insieme al resto della famiglia. In questa maniera la “tensione” fra voi si attenuerà e Ginevra potrà essere trattata come tutti gli altri bambini capricciosi: se non ti piace questa minestra mangerai più tardi.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio