L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Mio figlio si rifiuta di masticare

Nome: Simone
Età del bambino: 5
Sesso: maschio
Comune: Cagliari
Area tematica: Disturbi dell’alimentazione
Domanda: Buongiorno, mio figlio di quasi 5 anni si rifiuta categoricamente di masticare. Ho provato a inserire pezzettini nell'alimentazione ma preferisce saltare il pasto del pranzo e anche della cena per arrivare alla colazione del giorno successivo che avviene con latte e biscotti. Vorrei sapere se devo insistere con lui o aspettare. Insistere vuol dire litigare perché con le buone non otteniamo nulla. E' pure monotematico col cibo, rifiuta assaggi di cibi nuovi. Abbiamo provato con le buone e con ricompense ma niente da fare. Grazie per la risposta.
Mio figlio si rifiuta di masticare

Dott.ssa Maria Anna Tomaselli

Dietista

gentile mamma Luisa, la situazione che state vivendo non è facile e certamente non migliorerà nel tempo se non si farà nulla. Il suo Simone ha già 5 anni, da quanto tempo succede ciò? La sua frase” ho provato ad inserire pezzettini…” mi fa sospettare che lei abbia frullato tutto fino a poco tempo fa, perché per lei era importante che Simone comunque mangiasse…mentre gli anni trascorrevano. Vorrei tanto rassicurarla, ma non posso. La situazione è molto grave e nasconde quasi sicuramente un disagio di relazioni in famiglia, celato dietro un cattivo rapporto col cibo. Più sminuzza il cibo, più litiga, più gli promette ricompense, più Simone sente di rinforzare il suo legame con la sua mamma che lo copre di attenzioni e più attesta la sua (di Simone) forza. È una sorta di meccanismo circolare che però può diventare pericoloso. Lei però ci da poche informazioni. Per esempio: quanto pesa ed è alto Simone, cosa dice il suo pediatra? Simone va all’asilo? mangia in mensa? Come si comporta lì? E suo marito cosa pensa di tutto questo atteggiamento?

È certamente necessario spezzare questo braccio di ferro tra lei e suo figlio. Forse è il caso di consultare al più presto uno psicoterapeuta infantile, ma lei non ci dice dove abita e quindi non possiamo consigliarle nessuno. Inoltre, nel frattempo, sarebbe il caso di lasciare ad un’altra persona un po’ più ferma di lei il compito di occuparsi dell’alimentazione di Simone: una zia, una nonna, una tata. Non aspetti più. Mi raccomando.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio