L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Niente TV a tavola

Nome: Calogero
Età del bambino: 15 mesi
Sesso: maschio
Comune: Palermo
Area tematica: Educazione
Domanda: Salve, sono la mamma di Calogero un bambino di 15 mesi che mi fa piangere all’ora del pranzo e della cena. Mangia la mattina 300 ml di latte con 2 biscotti ore 7:00 10:00 un poco di frutta fresca.Ore 12:30 solo 3 cucchiai di pasta che sono circa 20/25 g di quella che mangio io con verdure o legumi o salsa (solo 3 cucchiai e spesso ne lascia pure) e non solo se non ha musica o cartoni non mangia neppure quello poi crolla e quando si sveglia mangia uno yogurt adatto ai bambini. Alle 19 :00 mangia un barattolo di omogeneizzato di 120 g di carne con verdure oppure purè oppure patate al forno insomma con un contorno (per quanto riguarda la cena non mi preoccupo della quantità ma del fatto che la carne la vuole solo omogeneizzata e se gli faccio una fettina la sputa, ho provato a fare tutti i tipi di carne esistenti e in tutti i modi possibili).Infine, quando va a letto, prende nuovamente il latte .Ecco le mie domande. Per quanto riguarda il pranzo è poca la pasta? E se non vuole mangiare senza cartoni dovrei lasciarlo digiuno fino a quando non smette di fare i capricci? Esistono gocce per aprire l’appetito? Per quanto riguarda la cena invece devo continuare con l’omogeneizzato o cosa posso fare? GraziePS Come peso il pediatra dice che va bene e anche come crescita
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Gentile Rosalia, i capricci non hanno nulla a che fare con l’appetito del bambino dato che Calogero cresce regolarmente e a sufficienza. Prima di passare al cosa mangiare vorrei farla riflettere sul come. Che un piccolo di 15 mesi abbia un forte attaccamento ai cartoni animati mi fa solo pensare che gli è stato insegnato fin da lattante. Spesso è comodo parcheggiare i bambini (non so se è il suo caso) davanti alla TV, perché così i piccoli stanno buoni e ipnotizzati. Vorrei fare notare però che è molto rischioso perché i bambini diventano passivi e non sviluppano la loro intelligenza, esistono delle forme che possono essere confuse con insufficienza mentale.

Nel suo caso il televisore spento per qualche giorno, soprattutto all’ora dei pasti, sarà di grande aiuto a Calogero che così sarà più concentrato sul cibo. Questo è indispensabile anche a costo di farlo mangiare meno o di lasciarlo digiuno per un giorno o due.

Bene la colazione, potrebbe evitare lo spuntino di frutta in modo che il piccolo arrivi a pranzo con più appetito. Buona la quantità di pasta accompagnata da legumi e verdure. Le patate sostituiscono il pane o la paste e il riso non le verdure e15 mesi sono troppi per rimanere attaccati agli omogeneizzati. Certo passare dall’omogeneizzato alla fettina di carne mi sembra un passo troppo veloce, ma può benissimo dare il pesce che ha una consistenza morbida o la carne tritata come le polpettine. Se non incomincia a masticare ora, poi sarà sempre più difficile da imparare, oltre al fatto che la masticazione aiuta il corretto sviluppo di mascella e mandibola.

Intanto Calogero comincerà ad assaggiare anche il pasto dei suoi genitori e si abituerà a nuovi sapori. Gentile Rosalia la prego di conservare il pianto al giorno in cui non potesse dare da mangiare a suo figlio, mi scusi, ma tutto deve avere la giusta misura. Nel caso si senta troppo in ansia, si faccia invece aiutare da suo marito o da qualcuno vicino a lei. Se lei sarà più serena sono certa che anche Calogero accetterà più di buon grado l’amorevole pasto che vorrà offrirgli. Mi faccia sapere.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio