L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Non prende il biberon

Nome: Miriam
Età del bambino:
Sesso:
Comune: Acerra
Area tematica: Disturbi dell’alimentazione
Domanda: Salve, mia figlia ha 5 mesi e mezzo e pesa 7500 gr per 165 cm. Sono partita con allattamento misto e dopo un mese ho cominciato ad avere problemi con la bottiglia. Si prendeva il seno da cui non usciva tanto latte e il latte formulato non lo voleva, tanto che a 4 mesi la mia pediatra ha deciso di svezzarla. Ora, a 5 mesi la sua alimentazione è: 7.30, se ci riesco, 150-180 gr con biscottino primi mesi e se non lo vuole glielo dò col cucchiaino. Ore 11.30 pastina con 150 gr di brodo vegetale, omogeneizzato di carne e un cucchiaino di olio e dopo 10-15 minuti vasetto intero di frutta. Pomeriggio verso le 15.30 150 gr di latte sempre col cucchiaino se non lo vuole prendere. Poi verso le 18.30 2 cucchiai di mais o riso o semolino con prosciutto o formaggino. Poi verso le 23 180 gr di latte sempre col cucchiaino anche perché lei dorme e la devo sempre svegliare. Faccio bene a svegliarla sempre? Che problema ci può essere? Grazie
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Gentile Vera, sono molti i bambini che nel passaggio dal latte materno a quello adattato rifiutano la tettarella. Per loro va bene il cucchiaino o, in alternativa, il bicchiere con il beccuccio, per questo, almeno per un po’, non offrirei più il biberon a Miriam, per evitare che associ il latte a questo elemento per lei negativo, magari potrebbe riprovare tra qualche settimana. Con il cucchiaino, infatti, avrebbe potuto proseguire ed offrire esclusivamente il latte adattato fino ai 6 mesi, età internazionalmente riconosciuta come la più adatta per cominciare il divezzamento.

Le proporrei di distribuire meglio i pasti durante la giornata in modo da non svegliare la piccola la sera alle 23 e migliorare il suo senso di fame. Infatti se anticipa la colazione alle 7, con la zuppetta di latte, potrebbe alle 10,30 fare una merenda con latte e frutta, quindi meno latte ma distribuito su due pasti. Così si slitterebbe il pranzo alle 12,30 con 20 gr di pastina, con brodo o senza, un cucchiaio di verdura e omogeneizzato di carne o pesce, olio extravergine e formaggio (conviene risparmiare su brodo e verdura se la piccola non è una mangiona) per terminare con mezzo omogeneizzato di frutta. Alle 16 zuppetta di latte (con un solo biscotto) e alle 20 cena come a pranzo (le ricordo i legumi e i formaggi freschi al posto di carne e pesce sia a pranzo che a cena). Così non dovrà più svegliare Miriam di notte e probabilmente la piccola avrà più fame a colazione o, da sola, si sveglierà prima. Io le ho indicato un modo che potrebbe migliorare il vostro rapporto con il cibo, ma, naturalmente, la cosa va adatta alle vostre esigenze. Infine 7,500 di peso a quasi sei mesi non sono malaccio, ma non posso dare un giudizio completo perché non mi dice il peso alla nascita, né il ritmo di crescita nei mesi scorsi e non dimentichi che ci sono bambini che hanno necessità di mangiare meno e crescono tranquillamente. Mi faccia sapere.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio