L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Con l’introduzione dei pasti canonici è fisiologico che le poppate diminuiscano

Nome: Giacomo
Età del bambino: 7 mesi
Sesso: maschio
Comune:
Area tematica: Allattamento e divezzamento
Domanda: Buongiorno, il mio bambino ha appena compiuto 7 mesi. Fino ai 6 mesi allattamento materno esclusivo. In accordo con la pediatra ho iniziato con merenda e poi pranzo un mese fa. Da una settimana anche cena. Da quando ho iniziato con la pappa però rifiuta il seno di giorno e si attacca solo di notte, poppando 3 volte. Ho provato a togliermi il latte e darglielo con biberon per la colazione ma non lo vuole. L'ultima poppata la fa verso le 6, 6.30. Ho chiesto alla pediatra se è sufficiente il latte che assume ora, perché praticamente prende solo il latte la notte, salta colazione e a merenda mangia lo yogurt. Lei mi ha detto che non basta, che deve fare la colazione e quindi provare a dargli latte formula 2 a colazione e tenere l'allattamento al seno per la notte. Secondo lei non gradisce più il mio latte e di notte si attacca al seno solo perché addormentato. È proprio necessario dargli questo latte in polvere per colazione? Con solo il mio latte riceve sufficiente calcio? Grazie
Con l’introduzione dei pasti canonici è fisiologico che le poppate diminuiscano

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Cara Francesca probabilmente la sua pediatra ha  valutato  la situazione individuale di Giacomo, per cui forse la sua affermazione di aggiungere il latte di tipo 2 si basa su considerazioni sulla crescita che io, per mancanza di dati, non posso fare. In linea generale però posso dirle che, quando vi sia disponibilità di latte materno, è sempre bene preferire questo a qualsiasi tipo di latte in formula. Il latte materno infatti è noto contenere, oltre che i migliori apporti nutrizionali (proteine, grassi, carboidrati) necessari alla crescita ottimale di ogni lattante, anche quantità considerevoli di anticorpi, utili alla protezione del lattante stesso. In realtà io considererei la poppata delle 6-6,30 come la colazione, puntando poi a fargli fare la merenda intorno alle 9,30 e quindi il pranzo verso le 12. Il rifiuto di Giacomo per il seno di giorno a mio avviso può essere considerato normale, poiché facendo 2 pasti e 2 merende il suo appetito e le sue necessità nutritive sono del tutto soddisfatte, insomma a meno di problemi di crescita mi sembra una situazione del tutto fisiologica. Il mio consiglio è quindi quello per quanto possibile di mantenere l’allattamento materno e magari di discuterne meglio con la sua pediatra evidenziandole le sue perplessità. Per quanto riguarda il calcio, infine, è molto probabile che con 3 poppate + 1 yogurt, più le piccole quantità presenti comunque negli altri alimenti che Giacomo assume, il fabbisogno sia ben coperto; mi raccomando al proposito che sia assicurato un apporto sufficiente di vit. D, senza la quale il calcio assunto con i cibi non può essere fissato alle ossa. Rimango a sua disposizione per ulteriori dubbi.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio