L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Obesità infantile: verdura, cereali, legumi e frutta riducono l’appetito

Nome: Carlo
Età del bambino: 5 anni
Sesso: maschio
Comune:
Area tematica: Educazione
Domanda: Mio figlio pesa 34 kg ed è alto 120 cm. La pediatra di famiglia mi dice che in base alla crescita dalla nascita rientra nella normalità e che è solo un paio di kg in sovrappeso, ma non sono convinta e vorrei andare da un nutrizionista. Il bimbo continua a chiedere cibo e a lamentare fame anche subito dopo i pasti, temo sia un problema psicologico. Cosa mi consiglia? Sono un po’ preoccupata.
Obesità infantile: verdura, cereali, legumi e frutta riducono l’appetito

Dott.ssa Maria Anna Tomaselli

Dietista

Fa bene a preoccuparsi perché, se i dati che mi fornisce sono corretti, il suo bambino è molto in sovrappeso. Anche lei può usare il Bimbometro che trova sul sito e constatarlo da sola: compare un bambino obeso con un cartello su cui c’è scritto “Attenzione” in rosso. Credo che di attenzione lei ne abbia posta tanta dal momento che si è rivolta a noi per essere aiutata. Ed eccomi a disposizione. Lei mi racconta che Carlo è sempre affamato, anche subito dopo i pasti. Accade spesso che se si segue un’alimentazione povera di carboidrati complessi e di fibra si avverta subito la sensazione di fame, dovuta ad un improvviso calo della glicemia. Ciò non accade se si consuma molta verdura, cereali integrali, legumi e frutta, grazie all’azione della fibra che aumenta il volume del cibo nello stomaco e rallenta il suo svuotamento. Quindi offra spesso piatti con carboidrati, come pasta e riso, con verdure che danno molto volume e poche calorie, piatti unici come pasta e legumi e frutta sia a fine pasto che come spuntino. Presumo che Carlo frequenti la scuola materna dove sicuramente si pranza alle 12 o anche prima. È anche normale che torni da scuola affamato! Allora perché non preparargli un panino col pomodoro o una macedonia di frutta? E, infine, i bambini mangiano molto per noia, perché stanno soli in casa davanti alla televisione o al PC tutto il pomeriggio. Allora perché non tirarlo fuori dalle quattro mura di casa facendogli scegliere uno sport o semplicemente giocando con gli amici al parco? Lo aiuterà sicuramente a bruciare un po’ di calorie oltre a divertirsi di più. In aggiunta a tutto ciò, data la sua legittima richiesta di far vedere Carlo da un nutrizionista, posso dirle che nella sua città esiste un ambulatorio di nutrizione pediatrica all’ospedale Buccheri La Ferla, al quale potrà anche rivolgersi per approfondire gli argomenti sommariamente affrontati in questa mia risposta.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio