L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Obesità

Nome: Desirée
Età del bambino: 3
Sesso: femmina
Comune:
Area tematica: Disturbi dell’alimentazione
Domanda: Salve, la mia bimba ha compiuto 3 anni ad aprile e pesa già 25 kg per circa 105 cm.In questo ultimo anno ha preso quasi 10kg. Noi in famiglia abbiamo problemi di obesità, io in primis che sono la mamma mi sono da poco sottoposta a un intervento appunto per perdere peso. Anche mio marito, gli zii e nonni non sono in splendida forma.Ho paura per lei. Mi sento in colpa perché ancora è cosi piccola, ma già la vedo limitata nei movimenti. Fa fatica poverina, vuole solo vestiti comodi perché tutto le stringe.So già che quello che la fa ingrassare sono le merendine, la cioccolata, caramelle ecc. ma la mattina non vuole più il latte e cerca dei biscotti o una brioche. Il pomeriggio sto cercando di darle uno yogurt o della frutta, ma mi rendo conto che ha sviluppato un appetito pazzesco perché cerca sempre da mangiare e fa troppi spuntini. Cosa mi consigliate di fare? Devo farle seguire una dieta? Grazie mille
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Gentile Luana, è inutile che le dica che continuando così non potrete che fare del male a Desirée. Lei ha fatto la sua stessa esperienza e dovrebbe capire che se ora che Desirée è più piccola è solo affaticata, crescendo potrebbe non accettare questa “caratteristica famigliare” e soffrirne. L’obesità che tanto ha di genetico, cioè legato al metabolismo, ha però un’altrettanto grande componente legata ad una sbagliata alimentazione familiare che sarebbe opportuno modificare. Infatti lei stessa mi elenca gli alimenti, peraltro non indispensabili alla nutrizione, che sarebbe conveniente eliminare ma che sembra incapace di non acquistare. Ha paura che la bambina faccia i capricci se non trova cioccolate o brioche o teme che qualcun altro in famiglia, che ne fa largo consumo, non sopporti il mancato acquisto?

È semplice: fate una piccola riunione familiare, stabilite la linea di condotta alimentare da tenere per fare del bene a Desirée e a voi stessi e comportatevi tutti di conseguenza. Le lacrime di coccodrillo non servono a nessuno. Tutte le volte che vorrà la bambina potrà trovare frutta e verdura a volontà. Sarà portata al parco o ad un posto dove poter giocare tutti i giorni in libertà, sarà circondata dall’affetto dei suoi tutte le volte che vorrà distrarsi con il cibo. Spesso si mangia per noia o per far dispetto. Ritrovate un clima sereno e rassicurante per la piccola. Se poi non foste capaci da soli,  potrete chiedere aiuto ad un pediatra nutrizionista che vi sostenga in questo cambiamento.

Sta a voi scegliere la via, certamente la più difficile, senza se e senza ma, che porterà Desirée a essere più serena e voi soddisfatti della vostra genitorialità.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio