L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Poppata aggiuntiva: sì o no?

Nome: Daniela
Età del bambino: 3 mesi e mezzo
Sesso: Femmina
Comune:
Area tematica: Allattamento e divezzamento
Domanda: Sto allattando al seno nonostante da 2 mesi mi sia tornato il ciclo. La mia bimba è nata di 3,3 kg e oggi pesa solo 5,3 kg. Latte ne ho, ma forse come dice il mio pediatra è un po’ leggero, e mi ha consigliato di dare una volta al giorno l’aggiunta. Io non vorrei. Lei che mi consiglia?
dott. federico mordenti pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott. Federico Mordenti

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Per consigliarle “l’aggiunta” il suo pediatra avrà valutato sicuramente la crescita della sua bimba ed altri fattori, non davvero una impossibile ed inesistente “leggerezza” del suo latte, ma visto che appare perplessa proverò a darle degli spunti di riflessione. Iniziamo con il dire che oltre al peso alla nascita e a quello attuale è importante valutare l’andamento, ovvero se vi sia stata una flessione dell’accrescimento in modo particolare nelle ultime settimane senza cause apparenti (quali per esempio un’influenza o una diarrea). Questo effettivamente potrebbe essere un elemento a favore dell’aggiunta. D’altra parte, l’accrescimento di una bimba allattata esclusivamente al seno va valutato con le apposite curve di crescita specifiche per allattati al seno, dalle quali anche lei potrà vedere come la crescita della sua bimba non sia poi così stentata… Consiglierei di utilizzare le curve standard di crescita che ha preparato la Organizzazione Mondiale della Sanità. Altri elementi da valutare sono la soddisfazione che la bimba raggiunge al termine della poppata, se assume poco latte dovrebbe tendere, ma non per tutti è vero, ad innervosirsi e piangere piuttosto che apparire satolla e calma. Altro aspetto è la tendenza del bimbo affamato a prolungare di molto le poppate e ciò nonostante a richiederne con maggiore frequenza. Un altro aspetto ancora riguarda l’evacuazione, un introito di latte insufficiente si caratterizza con feci un pochino più dure, anche se col latte materno naturalmente non c’è mai una vera stipsi. Vero è, d’altro canto, che l’aggiunta di latte artificiale non faciliterà l’allattamento materno che invece rimane la prima scelta: le consiglio a questo fine di incrementare l’assunzione di liquidi, migliorare la qualità dei suoi pasti e la loro regolarità, cercare di riposare il più possibile, aumentando eventualmente la frequenza di offerta delle poppate e, mi raccomando, non dia alla bimba tisane o camomille che saziano e riducono pertanto l’assunzione di latte materno.

Spero di averle dato degli elementi di riflessione costruttiva, rimane il fatto che la invito a riconfrontarsi con il suo pediatra per una scelta consapevole e concordata.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio