L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Prima adolescenza e dimagrimento

Nome: Luca
Età del bambino:
Sesso:
Comune: MILANO
Area tematica: Movimento e stili di vita
Domanda: Buongiorno, sono la mamma di un ragazzino di 1 media. Siamo andati dalla pediatra che ci ha detto che mio figlio deve correggere l'alimentazione al più presto perché sta ingrassando rapidamente. Luca pesa 56,9 Kg. per un'altezza di 149 cm. Fa allenamenti 2 volte alla settimana per due ore di pallacanestro. Il problema è che fatica a correre a causa del suo peso. Luca da sempre non mangia frutta e pochi tipi di verdura (carote e passati di verdura) e non perché non si tenti di proporgliela anche in maniera differente, ma perché ha il totale rifiuto (in famiglia mangiamo verdura ad ogni pasto e frutta agli spuntini). Mi sapete indicare quale sarebbe il giusto apporto calorico per permettergli di perdere qualche chilo nel giro di qualche mese? Sono d'accordo sul fatto che cresceranno e sul fatto che aumentando l'altezza con un peso che rimane stabile il dimagrimento sarà automatico, ma mio figlio deve dimagrire per forza qualche chilo al più presto. Grazie
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Gentile Brenda, accorgersi che il bambino è sovrappeso è già un primo passo verso una alimentazione più adeguata. Un bambino che non mangia frutta e verdura ma è di buon appetito, inevitabilmente compenserà la sua fame con pasta, panini e vari spuntini pomeridiani. Il vostro obiettivo non deve essere quello di far dimagrire Luca in pochi mesi ma educare il bambino ad una alimentazione corretta, che mi auguro sia quella della sua famiglia. Intanto eviti di comprare il superfluo, tipo merendine, biscottini, dolciumi, bevande zuccherate, tutto ciò che per lui rappresenta lo spuntino, che potrà se ha fame – sostituire con una merenda invitante preparata da lei a base di yogurt, carote e pezzettini di mela. Per i primi tempi potrebbe pensare anche ad un dolce alla frutta fatto in casa che gli faccia dimenticare cose ben più ricche in calorie. La prima regola, perché i piccoli accettino volentieri un po’ di tutto, è non chiedere mai loro quello che vogliono mangiare, infatti i genitori sanno benissimo ciò che amano di più e possono alternarlo a ciò che gradiscono meno, il chiederlo ogni volta fa credere ai bambini che un alimento vale l’altro. Si mantenga sui 50 g di pasta a pranzo e su un panino da 50 g la sera, quando mangia la pasta non prende il pane e viceversa, cioè un tipo di carboidrato alla volta (in termini di calorie, 50 g di pasti corrispondono a circa 60 g di pane, ma le sera i carboidrati dovrebbero essere di meno, ecco perché lei trova 50 g di pasta a pranzo e 50 g di pane a cena…). Varii carne, pesce, uova e legumi e non offra altro che non sia previsto già nel menù della famiglia. Se Luca si alza con un po’ di fame da tavola, perché non ha voluto assaggiare ciò che mangiate voi, spiegategli che è una scelta sua dato che potrebbe assaggiare altro. Importante: ad un bambino che deve dimagrire non si parla di diete, ci si comporta di conseguenza e basta.

Camminare tutti i giorni e se possibile giocare con i compagni in un parchetto o un cortile farebbe consumare a Luca molte più calorie in modo giocoso senza preoccuparsi della performance e probabilmente gli ridurrebbe il senso di fame.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio