L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Quando il cibo diventa ossessione

Nome: Laura
Età del bambino: 9 anni
Sesso: femmina
Comune: Ozieri
Area tematica: Disturbi dell’alimentazione
Domanda: Buongiorno e grazie per la vostra disponibilità. Il mio pensiero è rivolto a voler capire perché Laura ha sempre un pensiero fisso, il cibo... É una bambina sana, fa sport, nuoto agonistico da pochi mesi, però da sempre ha questa ricerca spasmodica del cibo anche mentre consuma i pasti principali: mentre fa la colazione pensa già a ciò che dovrà mangiare a pranzo, a pranzo per la merenda e così via. Quando deve “merendare” lascia anche il gioco. É più forte di lei e non riusciamo a farla desistere. L'unica cosa che non mangia è la verdura, poi per il resto... Grazie ancora per la cortesia!
marina-cammisa pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott.ssa Marina Cammisa

Pediatra

Gentile Franco, il fatto di mangiare tutti i giorni, più volte al giorno, rende il rapporto con il cibo spesso molto complesso e a volte poco comprensibile. In alcuni casi si crea una “dipendenza” che ricorda altre ben più pericolose e che comunque caratterizza, chi ne è affetto, per una grande vulnerabilità. Forse Laura rientra in questo gruppo, in parte perché non si sazia abbastanza per la mancanza di verdure e in parte perché riesce ad ottenere sempre ciò che voi vorreste negarle, il che la pone in una situazione di netto vantaggio nei vostri confronti. I motivi precisi di questo suo pensiero fisso non possiamo saperli. Ciò che è certo è che ogni soggetto può avere delle concause diversamente importanti e variamente combinate.

Per Laura potrebbe essere utile spostare l’attenzione dal cibo ad altri argomenti ugualmente piacevoli per la bambina, meno parlate di questa sua attenzione per i cibo e meglio è. Inoltre sarà vostro assoluto divieto raccontare del suo comportamento in sua presenza, infatti le confidenze fatte ad amici e parenti potrebbero legittimarla e addirittura rafforzarla nel suo modo di rapportarsi al cibo. Sempre utilissima la mensa scolastica, dove le insegnanti devono essere invitate a non cedere alle eventuali richieste di bis da parte della bambina. Infine, se la bambina dovesse continuamente dire “ho fame, ho fame”, offritele degli ortaggi freschi tipo carote, pomodori, sedano, finocchi, ecc. Questo, se fame vera, contribuirà a farla abituare alle verdure ed agli ortaggi, se, invece, non è fame vera, ma solo desiderio di mangiare, le farà dire:” No, non mi va..” e vi capirete che non ha bisogno di mangiare, ma ha bisogno di essere occupata in qualche attività.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio