L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Reflusso gastro-esofageo: attenzione alla voracità

Nome: Lorenzo
Età del bambino:
Sesso:
Comune: Roma
Area tematica: Altro
Domanda: Buongiorno Dottoressa, mio figlio, nato prematuro di 31 settimane, ha 4 mesi e da qualche settimana ha iniziato a mangiare male. Ha sempre preso latte materno ma con biberon perché non si è mai attaccato ed è cresciuto bene e mangiava perfettamente.Adesso che dovrebbe mangiare circa 180 ml a pasto, ha iniziato ad allungare le poppate anche a 5/6 ore, strilla assatanato, mangia i primi 100 ml bene e poi inizia a dimenarsi, inarca la schiena, spinge fuori la tettarella, allarga la bocca, scalcia e addirittura ride. Altre volte sputa la tettarella e poi strilla finché non gliela ridò e riesce a ciucciare. Sembra quasi che non si ricordi più come mangiare ad un certo punto! Il pediatra pensando al reflusso, anche per qualche rigurgitino ogni tanto, ha prescritto il Gastrotuss baby sciroppo, ma è più quello che sputa che quello che assume. Sembra avere anche tanta aria nella pancia che tira un po’ fuori con i ruttini ma comunque continua a dimenarsi anche dopo. Mentre mangia si sente rumore nella pancia. Coliche non ne ha mai avute ma adesso piagnucola spesso ai pasti cosa che non ha mai fatto prima. Cosa posso fare?
Reflusso gastro-esofageo: attenzione alla voracità

Dott.ssa Alessandra Piedimonte

Medico Chirurgo esperta in Nutrizione Pediatrica

Cara Alessandra dalla sintomatologia che mi descrive è possibile che il problema di Lorenzo sia effettivamente un po’ di reflusso (come ha già ipotizzato il suo pediatra) forse accompagnato ad una eccessiva introduzione di aria nel momento del pasto. La sintomatologia del reflusso gastro-esofageo può manifestarsi in qualsiasi epoca della vita ma è più frequente nei lattanti poiché assumendo solo dei pasti liquidi hanno una maggiore possibilità che questo refluisca dallo stomaco all’esofago. Il reflusso gastro-esofageo infatti è proprio caratterizzato dalla risalita di materiale acido dallo stomaco all’esofago. L’esofago è praticamente un tubo che porta il cibo dalla bocca allo stomaco ed è da questo separato tramite una valvola funzionale, non anatomica, che di norma si chiude quando lo stomaco è pieno e inizia a contrarsi. Nei bambini questa valvola è fisiologicamente immaturo, completando la sua completa funzionalità intorno ai 12 mesi. Generalmente il reflusso migliora intorno ai 7 mesi grazie all’introduzione delle pappe solide e alla posizione seduta. Di per sé quindi il reflusso gastro-esofageo potrebbe essere considerato quasi “fisiologico” e si tende quindi a non trattarlo a meno di gravi problemi, quali ad esempio un ritardo della crescita e rigurgiti frequenti e invalidanti. Si tende invece a consigliare misure profilattiche come ad esempio evitando che il bambino mangi troppo voracemente, cercando di mantenerlo in posizione leggermente rialzata (circa 30°) anche quando dorme, etc… Evitando la voracità inoltre riuscirebbe anche a limitare l’eccessiva ingestione di aria che potrebbe essere altra causa della sintomatologia che mi ha descritto. Per questo potrebbe innanzitutto valutare se il biberon che utilizza è adeguato all’età di Lorenzo (il buco della tettarella deve essere adeguato) e inoltre non aspettare che il bambino sia eccessivamente affamato poiché in questo caso ovviamente tenderebbe a mangiare con più ingordigia. Per ulteriori dubbi ci contatti nuovamente.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio