L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Se il bambino mangia solo quando dorme

Nome: Gabriele
Età del bambino: 19 mesi
Sesso: Maschio
Comune:
Area tematica: Disturbi dell’alimentazione
Domanda: Mio figlio ha 19 mesi, e beve il latte fresco però lo beve solo se è addormentato, per cui la notte come si addormenta beve circa 150 ml di latte e stesso discorso la mattina. Glielo devo preparare prima che si svegli altrimenti non fa la colazione. quando capita che si sveglia prima e gli propongo il latte lui lo rifiuta. A pranzo decide se mangiare quello che gli preparo in base ai suoi gusti, per cui se gli preparo la pasta al pomodoro e lui non la gradisce la rifiuta con fermezza, ma se gli propongo la pasta in bianco la mangia… stesso discorso per la carne se decide di volere il pollo rifiuta il resto… insomma, non so come comportarmi. Per non parlare della merenda, da una settimana rifiuta sia il Fruttolo che la frutta, non c’è verso di dargli la merenda e magari resiste senza toccar cibo sino alla cena che gli dò alle 19. Come devo fare per fare in modo che mangi di tutto?
Se il bambino mangia solo quando dorme

Dott.ssa Assunta Martina Caiazzo

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Capisco la sua preoccupazione perché il suo bimbo non ama il latte ma devo comunque dirle che dal punto di visto comportamentale non è corretto alimentare un bambino mentre dorme, dal punto di vista alimentare un bambino di 19 mesi dovrebbe fare 4 pasti: due di latte (colazione e spuntino di metà pomeriggio) e due pappe dunque non è necessario dargli il latte la notte. Il latte del pomeriggio può essere tranquillamente sostituito da yogurt intero anche alla frutta oppure da un frullato con latte e frutta alternative che possono egregiamente sostituire il Fruttolo o la frutta. Per il latte del mattino invece provi a cambiare il latte forse è solo un problema di sapore a cui può ovviare cambiando anche il tipo di biscotti. E comunque, se il bambino prende il latte mentre dorme, in effetti per lui il latte è un alimento sconosciuto perché non lo assume con coscienza, di conseguenza è un alimento a lui sconosciuto e quindi rifiutato. Interrompa subito questo circolo vizioso che non fa bene a nessuno. Per gli altri pasti, è sicuramente legittimo andare incontro ai gusti dei nostri piccolini, ma bisogna insegnare loro che le regole anche in campo alimentare le danno mamma e papà e questo non per cattiveria, ma perché è assolutamente necessario che per una corretta crescita emotiva i bambini abbiano regole chiare, definite e condivise da entrambi i genitori. Dunque cara mamma di Gabriele confidando nel fatto che lo fa per il bene del suo bambino e che in questo modo lo aiuterà ad avere scelte alimentari più varie, cominci a non offrire alternativa al rifiuto di mangiare di Gabriele e lo inviti a mangiare quello che ha preparato. Se il rifiuto di assaggiare si protrae, con molta serenità smetta di insistere perché mangi e rimandi al pasto successivo. Vedrà che se riuscirà ad arrestare questa lotta sul cibo tra lei e Gabriele risolverà il problema egregiamente con risultati positivi per lei, ma soprattutto per il suo bambino.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio