L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Selettività del cibo: una fase transitoria

Nome: Giorgio
Età del bambino: 3 anni
Sesso: maschio
Comune: Genova
Area tematica: Educazione
Domanda: Buongiorno, mio figlio (normopeso) mangia pochissimi tipi di alimenti e rifiuta di assaggiarne di nuovi. Ogni volta che provo a insistere scoppia in pianti disperati e se lo convinco ad assaggiare sputa tutto senza nemmeno sentire il gusto e dice che non gli piace. A gennaio ha iniziato l'asilo e invece di migliorare la situazione è peggiorata, salta il pranzo ogni giorno, mangia solo una mela, e anche a casa ha ulteriormente ridotto i tipi di cibi che mangia, che sono: pane e simili, pasta o riso all'olio, pasta con bottarga gratuggiata (praticamente le uniche proteine che mangia) pasta al pesto (se è di luna buona), prosciutto cotto, finocchi, carote, sedano e carciofi, tutto crudo, frutta secca tipo mandorle/nocciole ecc, frutta fresca e yogurt. Prima mangiava anche la frittatina con uovo e parmigiano e il passato di verdura, ma adesso non vuole neanche più quelli. Io per il momento lo prendo all'asilo alle 13 dopo il "pranzo", aspetto fino alle 15 e poi gli do la merenda, tanta frutta, lo yogurt e poi qualche biscotto o un grissino, in modo da non proporgli un pranzo alternativo a quello dell'asilo che rifiuta, ma penso che gli stiamo dando abitudini alimentari sbagliate continuando a dargli sempre le stesse cose che gradisce. Ho provato a farlo cucinare con me, ma se son cose nuove non le assaggia nemmeno, ho provato a dargli più proposte usando un piatto con gli scompartimenti, ho cercato di mantenermi serena ma fin’ora è tutto inutile. Come ci dobbiamo comportare?
dott. federico mordenti pediatra - alimentazione bambini by coop

Dott. Federico Mordenti

Medico Specialista in Scienza dell’Alimentazione

Cara Susanna, da quello che mi racconta, è una mamma molto attenta e mi sembra che stia facendo un ottimo lavoro. Per convincerla di questo la invito a guardare la nostra rubrica L’esperto risponde e scoprirà quanto, tutto sommato, Giorgio abbia una alimentazione abbastanza variegata rispetto ad altri bimbi selettivi. Sicuramente si può fare di più, ma mi sembra che il fabbisogno in nutrienti sia garantito; l’unico gruppo alimentare un po’ carente parrebbe, dalla sua ricostruzione, quello della carne/pesce/uova/formaggi, pertanto tenderei a concentrarmi in particolare sui primi due inserendoli con il primo piatto o studiando altre ricette e presentazioni. Mi permetto anche di sconsigliarle quel recupero di pasto nel pomeriggio, sicuramente positivo per non essere un vero pranzo, ma rischia di essere una merenda eccessiva tale da compromettere l’appetito a cena e l’interesse di Giorgio ad assaggiare il pasto scolastico. Infine continui a impegnarsi come sta facendo, ma senza ansie, ricordo, infatti, che suo figlio non è sottopeso e che sta attraversando una fase transitoria seppure protratta. I migliori auguri.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio