L'impegno di Coop Equipe Medica
Crescendo social club by Coop
×

L'esperto risponde

Svezzamento: quando passare all’alimentazione solida

Nome:
Età del bambino: 4 mesi
Sesso: maschio
Comune:
Area tematica: Allattamento e divezzamento
Domanda: Fino ad ora ho allattato mio figlio esclusivamente al seno; per esigenze lavorative devo iniziare ad introdurre la crema di riso a pranzo, ovviamente dietro consulto con la pediatra. Mi chiedo tuttavia se uno svezzamento precoce possa comportare conseguenze negative per il bambino. Grazie
Svezzamento: quando passare all’alimentazione solida

Dott.ssa Maria Anna Tomaselli

Dietista

Con il termine di divezzamento o svezzamento si intende il passaggio da un’alimentazione liquida esclusivamente lattea ad un’alimentazione semisolida e solida in cui sono presenti nuovi e diversi tipi di alimenti. Lo svezzamento è un momento cruciale per la vita del bambino in quanto segna il suo primo impatto con alimenti diversi dal latte. Svolge infatti 2 finalità, una nutrizionale e una psicologica ed educativa. Nutrizionale perché la sola introduzione di latte, sia materno che artificiale, al 5°-6° mese non può più soddisfare i fabbisogni nutrizionali del bambino. Educativa e psicologica perché il divezzamento porta una graduale acquisizione di autonomia nei confronti della figura materna. È consigliabile non anticipare il divezzamento prima del 5° mese, nell’allattato al seno meglio ancora al 6° mese. Un divezzamento precoce, infatti, aumenta il rischio di allergie alimentari, comporta una difficile digestione dell’amido, squilibri nutrizionali e un elevato rischio di inalazione del cibo.

Il suo bambino compirà 5 mesi tra pochi giorni, per cui le consiglio di riuscire ad adattare ancora per poche settimane l’allattamento al seno con il suo lavoro, così da non avere inutili preoccupazioni oggi e per il futuro.

Fai una domanda


ANNI

MESI
M F
(non verrà pubblicata)
HO LETTO ED ACCETTO L'INFORMATIVA SULLA PRIVACY

campo obbligatorio